Quantcast

Paolo VI santo, il programma a Roma e Concesio

Oggi la prima messa e domenica con papa Francesco. Si potrà seguire in diretta dal paese triumplino da due maxi schermi. Mostra, francobollo e cartolina.

(red.) Quest’oggi, venerdì 12 ottobre, inizierà il lungo weekend religioso in vista della canonizzazione, domenica 14, del papa bresciano Paolo VI. Nel pomeriggio, a Roma, dopo aver visitato la basilica di San Pietro, i primi gruppi già partiti da Concesio e Palazzolo parteciperanno a una messa celebrata dal cardinale bresciano Giovanni Battista Re. Domani, sabato 13, ci sarà il primo appuntamento ufficiale al santuario del Divino Amore alle 16 quando sarà il vescovo Pierantonio Tremolada a officiare una messa. Domenica, invece, spazio alla cerimonia solenne con papa Francesco per la beatificazione del pontefice nato a Concesio e lunedì 15 alle 9,30 nella basilica di San Paolo fuori le Mura ci sarà un’ultima messa di ringraziamento per le diocesi di Brescia e Milano (Paolo VI qui fu arcivescovo).

Per l’occasione in Vaticano arriveranno oltre 5 mila pellegrini dalla provincia di Brescia e tra le diverse iniziative c’è spazio anche per un annullo filatelico domenica mattina alla basilica Romana in piazza 1 Maggio, domenica 21 ottobre in piazza Paolo VI a Brescia e il 3 novembre a Concesio. E ci sarà anche una cartolina dedicata. A Concesio, terra natale di Paolo VI e dove domenica sono attesi centinaia di fedeli tra residenti e da fuori, si potrà assistere in diretta alla canonizzazione attraverso due maxi schermi nella basilica Romana-Sant’Antonino dalle 10 e alla casa natale del pontefice sempre dalle 10. Sabato 13 e domenica 14 si potrà anche visitare una mostra dedicata ai viaggi di Giovanni Battista Montini nella sala consiliare, mentre domenica dalle 14,30 alle 18 ci saranno visite guidate alla casa in via Rodolfo da Concesio e alla fonte battesimale a Pieve.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.