Quantcast

Emergenza casa,due picchetti in città

Mobilitazioni in via Monte Ortigara 35 ed in via Vittime d’Istria a san Bartolomeo, per bloccare altrettanti sfratti.

(red.) Ancora una mobilitazione a Brescia nell’ambito della campagna contro il Decreto Lupi ed in particolare l’art 5.
Nella mattina di lunedì 19 maggio, si sono registrati due picchetti in città, in via Monte Ortigara 35 ed in via Vittime d’Istria a san Bartolomeo, per bloccare altrettanti sfratti. Mobilitati in tutto circa cento persone. Nel primo caso era coinvolta una famiglia pachistana con 4 figli minorenni: Mohammed, il padre, è stato licenziato dall’azienda dove avorava da 8 anni; abita in un edificio fatiscente di proprietà della MAEL spa dell’avvocato Lino Gervasoni.
I picchetti si inseriscono nella campagna di mobilitazione contro il cosiddetto piano casa del governo Renzi su cui è stata posta la fiducia, che, secondo gli attivisti, non darebbe risposte efficaci al problema degli sfratti e della mancanza di politiche abitative. A livello locale l’Associazione Diritti per tutti rilancia le proposte per affrontare la gravissima emergenza sfratti: utilizzo dei 195 appartamenti della Torre Tintoretto per assegnazioni temporanee a famiglie sotto sfratto in attesa dell’assegnazione definitiva ALER; utilizzo degli appartamenti
comunali che recentemente l’Amministrazione intendeva alienare ma che sono rimasti invenduti e che sono bisognosi di piccola manutenzione; realizzazione di centri per l’emergenza abitativa in uno dei tanti edifici pubblici o privati sfitti ed inutilizzati, attraverso la
requisizione o convenzioni con le proprietà.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.