Quantcast

Balotelli e il battibecco con i poliziotti

Il bomber rossonero, fermato per un controllo, avrebbe detto agli agenti che gli chiedevano le generalità: «Ma non avete meglio da fare?».

(red.) Diciamolo: era da un po’ che le “gesta” di Mario Balotelli non comparivano sulle pagine dei giornali. Dopo il “riconoscimento” via web della figlioletta Pia, avuta dalla showgirl raffaella Fico, e dopo le querelle con la dirigenza del Milan per le foto postate su twitter quando era infortunato alla spalla, e dopo l’addio, questa volta definitivo con la sua Fanny, Super Mario sembrava avere intrapreso la strada del basso profilo mediatico.
Ma così non è stato: E questa volta, a tradirlo, una frase che avrebbe rivolto ai poliziotti che, mercoledì 23 aprile, gli hanno chiesto la patente mentre aveva appena parcheggiato la sua Ferrari davanti al suo attico di Brescia. «Ma non avete meglio da fare che venire a identificare me?», pare abbia detto l’attaccante rossonero agli agenti, rimediando così una denuncia per oltraggio a pubblico ufficiale.
Mario, in compagnia della (nuova?) fidanzata, mentre stava parcheggiando la fuoriserie davanti al suo lussuoso appartamento nella zona nord della città sarebbe stato avvicinato dagli agenti che alla richiesta di esibire i documenti,  e di fornire le proprie generalità, avrebbe risposto con una battuta. Battuta che però non è stata recepita come tale, e così Balo è finito nei guai. grazie all’intervento del collega della poliziotta, che ha riconosciuto il calciatore, il battibecco non si è concluso in questura.
Ma la potente vettura di Mario gli è costata anche un’altra ramanzina: quella di Adriano Galliani che lo ha rimproverato per essersi presentato con la Ferrari a Milanello. Nel centro sportivo rossonero, per motivi di sponsor, si può entrare infatti solo con un’Audi.

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.