Quantcast

Troppi morti sul lavoro: nuovo allarme di Cgil

Il dipartimento salue, sicurezza e ambiente del sindacato, ribadisce le sue preoccupazioni dopo i nuovi fatti di cronaca. "Serve uno sforzo ulteriore".

Più informazioni su

(red.) Continua la sequenza preoccupante di gravissimi infortuni e di morti sul lavoro.
La Cgil ribadisce la sua preoccupazione per la serie di infortuni sul lavoro avvenuti a Brescia. “Nel registrare altre due vittime”, si legge in una nota a firma di Pietro Ferrari, Dipartimento Salute Sicurezza Ambiente Camera del lavoro di Brescia, “esprimiamo umana partecipazione al dolore delle famiglie e dei colleghi”. Nella giornata di venerdì 17 è infatti deceduto, all’interno dell’azienda di famiglia, un giovane lavoratore, rimasto incastrato tra due blocchi di marmo. Sabato 18 è invece deceduto, nel reparto grandi ustionati dell‘Ospedale di Verona, il lavoratore cinquantasettenne che nella notte dell’8 maggio era caduto in una vasca di raffreddamento nell’acciaieria presso la quale stava svolgendo il turno di lavoro.
“Ci chiediamo e chiediamo alle parti istituzionali e sociali uno sforzo ulteriore nell’attenzione e nell’ impegno concreto per la tutela delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Confidiamo nello stesso sforzo da parte degli organi di informazione verso un così grave problema. Problema che ha pesanti ripercussioni sulla sfera umana e sociale e che incide direttamente su beni costituzionalmente protetti quali il diritto al lavoro e alla salute”.

Pietro Ferrari

Dipartimento Salute Sicurezza AmbienteCamera del lavoro di Brescia

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.