Quantcast

Comprare droga a Brescia? E’ facile facile

Lo mette in luce lo studio “Generazione Stupefacente” condotto dalla Provincia di Brescia. Il 25% dei ragazzi ha fatto uso di sostanze almeno una volta.

(red.) Quanto è facile per i giovani bresciani procurarsi le droghe? Facile, molto facile. Troppo.
Lo mette in luce lo studio “Generazione Stupefacente” condotto dalla Provincia di Brescia grazie ai fondi messi a disposizione dal Dipartimento della gioventù del Consiglio dei ministri e curato da Michele Brunelli (Università di Bergamo) e Silvana Poloni (Università cattolica di Brescia).
Un  progetto costato complessivamente 140 mila euro (50 mila dal Broletto, il resto il ministero alla Gioventù) e che si è sviluppato in diverse fasi.
Ai giovani delle scuole, 1200 di 16 istituti della Provincia, e ad altri 400 compresi nella fascia tra i 20 e i 40 anni, è stato sottoposto un questionario: i risultati rivelano che il 14%dei ragazzi bresciani di età compresa tra i 15 e i 19 anni pensa che gli potrebbe capitare di fare uso di droghe.
Il 28% crede che potrebbe farsi uno spinello. E per quasi la metà dei ragazzi è molto/abbastanza facile procurarsi marijuana, cannabis o hashish. Forse il risultato che fa più pensare è che 25 ragazzi su 100 hanno fatto uso di droghe almeno una volta; 12 quelli che l’hanno consumata nell’ultimo mese.
Tra i dati di rilievo, il consumo di cocaina in particolare nel settore edile,mentre il 72%diimprenditori e liberi professionisti ha dichiarato di aver provato marijuana, hashish e cannabis, così come il 66% degli artigiani ed il 56% degli operai.
Dove si reperisce la droga? In base ai sequestri effettuetai in quasi due terzi dei 206 Comuni della provincia, le sostanze sono facilemnte acquistabili nel capoluogo, ma anche a Gardone val Trompia, Desenzano, Vobarno, Pontevico, Passirano, Paratico, Pisogne. Tra 2010-2011 sono stati messi i sigilli a 150 chilogrammi di eroina, 600 di hashish, 700 di marijuana.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.