Quantcast

Nozze negate, in Broletto il sospirato “sì”

Mario e Tamara hanno potuto sposarsi davanti a Donatella Albini (Sel), dopo una lunga serie di problemi iniziati lo scorso 6 aprile perché lei era clandestina.

Più informazioni su

(red.) Lieto fine per la burrascosa vicenda di Mario e Tamara, coppia che per arrivare al tanto sospirato “sì” ha dovuto vedersela con non pochi problemi. Lunedì i due si sono sposati in Broletto ma il primo “no” alle nozze era stato decretato lo scorso 6 aprile quando i due si erano presentati all’ufficio matrimoni per le pubblicazioni e la giovane di origine moldava era stata feramata dagli agenti del nucleo polizia giudiziaria perchè non in regola con il permesso di soggiorno.
La donna era stata portata nella cella del comando della polizia locale, fatta spogliare, perquisita e detenuta per 8 ore e quindi raggiunta da un foglio di espulsione con accompagnamento coatto alla frontiera, poi trasformato per problemi organizzativi della Questura in ordine di allontamento entro una settimana.
Accompagnati dagli attivisti e dal legale dell’Associazione Diritti per tutti, l’avvocato Sergio Pezzucchi, il 26 aprile i “promessi sposi” erano tornati all’ufficio matrimoni e avevano fissato le nozze per il 4 giugno. Il matrimonio è stato celebrato dal consigliere di Sel Donatella Albini.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.