Oltre 7 mln in viaggio per Ognissanti

Le mete più gettonate sono la montagna ed i centri termali e del benessere. Spesa media pro-capite per questo ponte festivo circa 251 euro.

(red.) Saranno 7,3 milioni gli italiani in viaggio durante il Ponte di Ognissanti che trascorreranno almeno una notte fuori casa, il che equivale ad un +3,5% della popolazione rispetto allo stesso periodo del 2010.
Il dato è di Federalberghi che ha condotto una indagine esclusiva, intervistando 3.002 persone.
L’87% di italiani che partirà (rispetto all’83% del 2010) rimarrà in Italia, mentre il 10% (rispetto al 15% del 2010) andrà all’estero.
Saranno le località montane quelle più frequentate durante questo ”ponte” del primo novembre: il 40% (rispetto al 38% del 2010) di coloro che si muoveranno le preferiranno ad altri lidi.
Buone prospettive anche per il comparto turistico bresciano che si prepara ad accogliere i turisti di questo lungo ponte festivo. In particolare, buoni auspici sono quelli che riguardano il comparto termale.
Il 21,5% (rispetto al 24% del 2010) degli italiani andrà in località di mare; il 19% (rispetto al 22% del 2010) sceglierà località d’arte ed un 5,5% (rispetto al 4% del 2010) approfitterà di questa occasione per ritemprarsi in località termali e del benessere.
Il 6,8%, infine, indica un altro tipo di località e saranno essenzialmente coloro che si recheranno nei loro centri di origine per onorare la festività di Ognissanti.
Per quei pochi che sceglieranno mete estere per questa breve pausa vacanziera, le grandi capitali europee faranno la parte del leone con addirittura il 61,1% della domanda complessiva.
Il 13,9% andrà oltre oceano in visita alle grandi capitali extra-europee. Un 8,3% opterà per mari esotici ed un 5,6% effettuerà brevi crociere fuori dai confini nazionali.
L’albergo sarà la struttura prescelta dal 32,7% dei viaggiatori (rispetto al 36,2% del 2010), seguito dal 27,6% di chi andrà in casa di parenti o amici (rispetto al 24,6% del 2010) e dal 12,1% che si recherà in casa di proprietà (rispetto al 16,9% del 2010).
L’agriturismo sarà scelto dal 7,3% dei viaggiatori (rispetto al 6,5% del 2010) ed il campeggio dal 2,8% (rispetto al 3,6% del 2010).
La spesa media pro-capite, comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti, si attesterà sui 251 euro (rispetto ai 248 del 2010 per un +1,2%). Il giro d’affari si attesterà su 1,83 miliardi di euro (rispetto a 1,74 miliardi del 2010 per un +4,7%).
Chi resterà in Italia spenderà mediamente 225 euro (rispetto ai 203 euro del 2010) e 481 euro a persona (rispetto ai 489 euro del 2010) verranno invece mediamente spesi da chi sceglierà una vacanza oltre confine.
La durata media del soggiorno durante questo ‘ponte’ del primo novembre, sarà infine di 3,2 notti trascorse fuori casa (rispetto alle 3 notti del 2010).
Per Telefono Blu saranno 8 milioni i bambini e 2 milioni gli adulti che festeggeranno quest’anno Halloween, festa che tra allestimenti, gadget, travestimenti e party costerà circa mezzo miliardo. I
nfine HRS.com, portale che si occupa di prenotazioni alberghiere, ha messo a punto un prontuario con il bon ton del perfetto ospite d’albergo. Tra le 10 regole d’oro, evitare i rumori molesti, non portarsi a casa oggetti di proprietà dell’albergo, essere cortesi con il personale, evitare di lasciare la stanza in condizioni pietose e di chiamare la reception in continuazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.