Quantcast

Aldo Bonomi presidente dell’Aci

Più informazioni su

bonomialdo1.jpgHa vinto le elezioni. Al vertice dell'associazione dopo la Mille Miglia connection.


(red.) L’imprenditore lumezzanese Aldo Bonomi, alla guida della lista numero 1 "Rinnovo e Tradizione" ha vinto le elezioni e sarà il nuovo presidente dell’Automobil Club di Brescia.
Il responso delle urne non ha mai dato chanche al suo antagonista Giulio Ramponi, candidato alla testa della lista 2 "Nuovo Aci per Brescia" che aveva anche fatto ricorso al Tar per tentare di invalidare il voto (il Tribunale amministrativo si esprimerà nei prossimi giorni
leggi qui).
Dopo un lungo commissariamento dovuto all’azzeramento dei vertici per la cosiddetta Mille Miglia Connection (
leggi l'ultimo articolo) e affidato ad Enrico Gelpi, nel frattempo diventato anche presidente nazionale, l’Aci di Brescia ha finalmente espresso il successore di Giacomo Bontempi al termine di una campagna elettorale molto accesa.
Dopo uno spoglio praticamente a senso unico, alla mezzanotte di venerdì Bonomi ha raggiunto la fatidica soglia della metà più uno dei consensi scrutinati nella sede di via Enzo Ferrari a San Polo, ottenendo così la certezza matematica della vittoria.
Le operazioni di voto sono iniziate in sede il mattino di venerdì, per concludersi alle 16. I voti validi sono stati in tutto 2.653, la maggioranza dei quali arrivati nei giorni scorsi per posta al notaio Tita. Sono state infatti spedite 3.300 schede, 850 delle quali annullate.
Classe 1951, titolare dell’omonimo gruppo industriale valgobbino specializzato nella produzione di valvole (Rubinetterie Bresciane, Valpres, Valbia, Univers), Bonomi si è occupato di football con il Lumezzane Calcio e di automobilismo con la scuderia Brescia Corse. E’ stato alla guida dell’Associazione industriale bresciana (Aib) ed è vice presidente di Confindustria con la delega per le politiche territoriali.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.