Quantcast

Ecco i due nuovi santi bresciani

Più informazioni su

comensolisuorgeltrudemini.jpg tadiniarcangelomini.jpg

Don Tadini e suor Geltrude: sabato il voto.


(red.) Chi non è di stretta osservanza cattolica probabilmente neppure conosce i loro nomi. Eppure sono ore di emozionata attesa per i numerosi fedeli dei due nuovi santi bresciani, che stanno per essere proclamati dal prossimo Concistoro ordinario pubblico convocato per questo sabato 21 febbraio alle ore 11, nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico del Vaticano, dove i cardinali – durante la celebrazione dell’Ora sesta – procederanno al voto sulle cause di canonizzazione di dieci beati.
comensolisuorgeltrude.jpgAllora si conoscerà la data esatta della canonizzazione di don Arcangelo Tadini, detto il prete tessitore, sacerdote di Verolanuova fondatore della Congregazione delle Suore operaie della Santa Casa di Nazareth di Botticino, e di suor Gertrude Comensoli, che dalla natia Bienno è partita giovanissima per creare l’Istituto delle Suore del Santo Sacramento.
tadiniarcangelo.jpgDon Tadini, nato da famiglia nobile nel 1846 a Verola e considerato un grande predicatore, dopo una filanda e un convitto per le giovani, nel 1900 fondò le suore operaie di Botticino Sera (
vai al loro sito), paese di cui era parroco (leggi qui la biografia ufficiale). E’ morto il 20 maggio del 1912 ed è stato fatto beato nel 1999.
Suor Gertrude, nata in Valcamonica, a Bienno, nel 1847, cresciuta nella Compagnia di Sant'Angela Merici e dapprima impiegata come domestica presso alcune famiglie della provincia, nel 1882 fece nascere a Bergamo un istituto di suore dedicate all’educazione delle giovani. Le Suore sacramentine (vai al sito) traggono ispirazione dall’eucarestia e vennero riconosciute dalla Santa Sede nel 1906. Tre anni prima, il giorno del suo 56esimo compleanno, suor Gertrude era morta. Venne beatificata nel 1989.
Tra i dieci nuovi santi, sette uomini e tre donne, c'è anche Jozef Damian de Veuster, conosciuto come Padre Damiano, che per 12 anni, alla fine dell’Ottocento, si dedicò alla cura dei lebbrosi sull’isola di Molokai, nell’arcipelago delle Hawaii.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.