Quantcast

Brescia, provincia di super ricchi

Più informazioni su

alto.jpgAi primi posti in Lombardia per le famiglie con  più di 500 mila euro da parte.


(red.) Ma davvero siamo una provincia popolata da super ricchi? Sembra di sì, perché secondo uno studio della Aipb (Associazione italiana di private banking), Brescia è ai vertici in Lombardia per la presenza di famiglie con un patrimonio finanziario superiore ai 500 mila euro, immobili esclusi.
Si parla di soldi affidati alle cosiddette banche d’investimento, quelle che amministrano i più consistenti risparmi personali. E naturalmente anche loro risentono dei morsi della crisi finanziaria. Un esempio? In tutta Italia le famiglie di super ricchi sono 594 mila: meno 15% rispetto alle 694 mila del 2007 e ancora meno rispetto alle 703 mila del 2006. Il loro patrimonio complessivo è a quota 779 miliardi di euro, con un calo del 6% rispetto agli 829 miliardi di euro del 2007.
Nella nostra provincia invece queste famiglie hanno da parte qualcosa come 20,3 miliardi di euro (il 10,3% del totale lombardo). Prima di noi viene naturalmente Milano che da sola raccoglie più della metà del patrimonio regionale con 101,2 miliardi di euro. Dopo la nostra provincia arriva Bergamo  con 17,3 miliardi, poi Varese con 12,9, seguita nell'ordine da Como, Pavia, Mantova, Cremona, Lecco, Lodi e Sondrio.
A bilanciare parzialmente questa immagine da Paperoni dei bresciani, che riguarda purtroppo una minoranza dei nostri concittadini, c'è il dato della Banca d’Italia, secondo il quale le famiglie bresciane hanno mediamente 18.500 euro di debiti ciscuna. Mediamente significa che una ne ha magari 37mila e un'altra zero. Tanto valgono le statistiche.
Tornando all'analisi sui super ricchi, intitolata "Stima del mercato italiano degli High Net Worth Individual", in Italia la Lombardia è in testa tra le regioni con con il 24,6% della ricchezza, pari a 191,5 miliardi di euro di patrimoni complessivi, seguita dal Lazio con il 10,7% e dall'Emilia Romagna con l'8,3%.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.