Quantcast

Madre a 12 anni: arrestati i suoceri

Più informazioni su

Manette anche per i genitori del marito della sposa bambina. Comprata a 11 anni per 17 mila euro e portata in Italia.


(red.) Vi ricordate la bambina di origine serba comprata a 11 anni da una famiglia di kosovari residenti nel Bresciano e introdotta clandestinamente in Italia per essere sposata al figlio 21enne, arrestato dopo il parto effettuato dalla giovanissima sposa-bambina che aveva fatto emergere la triste vicenda (leggi qui)?
Ebbene, nei giorni scorsi sono finiti in manette anche i genitori del marito, accusati di comportamenti assimilabili alla riduzione in schiavitù, favoreggiamento di immigrazione clandestina e concorso in violenza sessuale. Sono stati ammanettati anche poiché sarebbero risultati chiari i loro tentativi di inquinare le prove di un reato da noi molto grave, mentre nelle loro terre d’origine è considerato un comportamento normale. Cercavano infatti di procurarsi documentazione che attestasse l'affido a loro della minorenne.
La bimba era stata venduta per 17mila euro (dopo una trattativa partita da 25mila) dai suoi genitori, con i quali dopo l’ingresso in Italia avrebbe perso ogni contatto. Di fatto, dopo il matrimonio secondo il rito rom, la sposa-bambina è passata, come impone la rigida tradizione kosovara, sotto l’assoluto controllo della famiglia del marito. Ora la suocera è ai domiciliari, mentre il suocero è a Canton Mombello. La ragazza con la figlia neonata è stata affidata a una comunità.
Secondo l'Associazione matrimonialisti italiani (Ami), nel mondo vi sono circa 60 milioni di spose bambine (dagli 8 ai 14 anni). Si tratta di un fenomeno diffuso soprattutto nei paesi più poveri dell'Africa ed esportato con l'emigrazione anche nei paesi occidentali, specie in Europa. Si tratta, secondo l'Ami, di una vera e propria pedofilia di massa, giustificata da motivazioni religiose, sociali e culturali. Nell'80% dei casi le spose bambine partoriscono intorno ai 13 anni e spesso debbono subire la pratica dell'infibulazione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.