Quantcast

Nomadi occupano parcheggio al PalaLeonessa

Ieri mattina sono stati sgomberati visto che in serata c'era partita della Germani. Poi sono entrati forzando un'area privata. Si cerca ancora una soluzione.

(red.) Si torna a parlare delle famiglie nomadi di sinti italiani che stanno continuando a peregrinare in attesa che le istituzioni decidano dove piazzarli in modo definitivo. Prima erano partiti da via Ghislandi a Roncadelle, nel bresciano, Comune dove risultano essere registrati. Ma i rapporti con il vicinato si erano fatti sempre più tesi, tanto da arrivare agli insulti e alle aggressioni. Subito dopo essere stati sgomberati dalla zona, camper e roulotte avevano trovato un’altra sistemazione, ma i cittadini avevano indotto a farli allontanare anche da quella posizione. Uno scenario che sta interessando anche la prefettura di Brescia per decidere, d’intesa con le amministrazioni locali, una soluzione finale.

Tanto che Roncadelle aveva scelto per la zona al confine con il Villaggio Violino, ma subito contestata da piazza Loggia e stoppata dalla stessa prefettura. E nel fine settimana tra sabato 12 e ieri, domenica 13 ottobre, si è aggiunta un’altra puntata alla vicenda. Infatti, le famiglie si erano stabilite in una delle piazze nei pressi del PalaLeonessa portando ad altre segnalazioni alle autorità. E visto che ieri sera quello spazio doveva essere aperto per la partita della Germani Basket Brescia, in mattinata si è proceduto subito con l’ennesimo sgombero.

Ma non è finita qui. Dopo l’intervento della Polizia Locale, infatti, come scrive il Giornale di Brescia che dà notizia dell’occupazione, i mezzi dei nomadi hanno raggiunto la vicina via Sorbanella forzando le barriere ed entrando in un’area dal fondo irregolare e di proprietà di Brescia Infrastrutture. Si tratta in tutto di tredici mezzi in attesa di essere nuovamente rimossi nel momento in cui la società presenterà una denuncia per occupazione abusiva e possibili danneggiamenti. E nel frattempo si sta ancora pensando a una soluzione definitiva per le famiglie.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.