Quantcast

Aria, vento forte fa crollare le polveri sottili

Oggi saranno noti anche i risultati di ieri. Se per due giorni consecutivi sotto il limite, da domani potrebbe essere revocata la misura di primo livello.

(red.) Il forte vento di sabato 23 febbraio che ha colpito l’intero territorio della provincia di Brescia ha avuto come effetto positivo quello di far crollare il livello di polveri sottili. Infatti, dopo i valori doppi rispetto al limite di 50 microgrammi per metro cubo e che ha portato da venerdì scorso all’introduzione del divieto di circolazione fino ai mezzi euro 4 diesel privati (ed euro 3 commerciali), ora la media va dai 34 ai 38 tra le centraline Arpa del Broletto, di Rezzato e di Sarezzo e Odolo. Se oggi, lunedì 25 febbraio, l’agenzia regionale dovesse confermare nei dati di ieri, domenica, la situazione ben al di sotto del limite, quindi dopo due giorni consecutivi, potrebbe essere revocato il blocco.

Ma la decisione arriverà solo in giornata. Nel frattempo non sono mancati i furbi che hanno viaggiato in zone dove era vietato e nonostante non potessero farlo. Nel fine settimana appena trascorso sono stati controllati 53 veicoli e giunte sei multe da 168 euro ciascuna. Dal punto di vista della qualità dell’aria, tuttavia, il meteo non prevede precipitazioni, ma anzi temperature in rialzo e scarsi venti almeno fino a domani, martedì 26.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.