Quantcast

Via Lamarmora, libero dopo aver investito donna

Il 42enne era risultato positivo alla cocaina dopo aver travolto e ucciso Nadia Zangarini in città. La sua collaborazione gli ha fatto revocare domiciliari.

(red.) E’ stato scarcerato l’uomo di 42 anni che giovedì mattina 13 settembre aveva investito e ucciso sulle strisce pedonali Nadia Zangarini in via Lamarmora a Brescia, in città. L’autore dell’incidente era stato arrestato e posto ai domiciliari nel momento in cui le forze dell’ordine avevano scoperto che era positivo alla cocaina. Ma sabato, nell’interrogatorio di garanzia in tribunale e assistito dal proprio avvocato, si è visto concedere la libertà in vista del processo.

A influire è stata la sua collaborazione dai momenti successivi all’incidente e ammettendo di aver assunto la polvere bianca, ma nei giorni precedenti a quelli dello scontro. Questo ha portato il giudice delle indagini preliminari a confermare comunque le colpe, ma ritenendo che non possa reiterare il reato o non ci sia pericolo di fuga. Resta anche da capire se l’uomo viaggiasse a una velocità sostenuta quando ha travolto la vittima.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.