Quantcast

Loggia 2018, tutte le reazioni degli sconfitti

Paola Vilardi del centro destra non va oltre il 38% e chiede un confronto all'interno dei partiti e dello schieramento. Per M5S al 5% "non cambia nulla".

(red.) Mentre Emilio Del Bono esulta per la conferma, a Brescia il centro destra si sta leccando le ferite per quella che suona come una batosta, soprattutto per non essere stato in grado almeno di portare la corsa al ballottaggio. Paola Vilardi non è andata oltre il 38% e a questo punto lei stessa chiede un confronto all’interno dei vari partiti che la sostenevano. Il centro destra in città vuol dire soprattutto Lega, mentre Forza Italia ha raggiunto l’esigua percentuale del 7,6%.

E tutto questo potrebbe pesare sulla coalizione, visto anche che a livello nazionale il Carroccio è al Governo con il M5S, mentre a livello locale appoggia il centro destra. Una situazione che potrebbe aver disorientato gli elettori. E a questo punto è quasi un fuoco incrociato di attacchi, con Mariastella Gelmini che si addossa le responsabilità della debacle e Simona Bordonali della Lega che imputa agli stessi azzurri la “colpa” di aver perso trascinando nel baratro lo schieramento.

Mentre Paola Vilardi ammette che la sconfitta potrebbe anche essere legata al fatto di aver iniziato la campagna troppo tardi e con un sindaco forte a livello di preferenze, mentre rimpiange di non aver lanciato una lista legata al suo nome. Dall’altra parte si parla di sorpresa per i sondaggi che potevano dare la corsa fino al ballottaggio. In tutto questo, la certezza è che Fratelli d’Italia torna in Consiglio comunale con un componente e si sta predisponendo l’opposizione già con vista sul 2023. Sul fronte del Movimento 5 Stelle, il candidato sconfitto Guido Ghidini che ha ottenuto solo il 5%, in calo rispetto alle politiche del 4 marzo e delle comunali del 2013, dice che “non cambia nulla”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.