Quantcast

Calcio, i risultati della domenica per le bresciane

Il Brescia femminile perde solo dopo i rigori contro la Juventus il match scudetto. In C male la Feralpi Salò che ora ha il ritorno. In D ko Darfo e Lume.

(red.) Quella di domenica 20 maggio è stata una giornata di calcio e anche carica di verdetti per le formazioni bresciane impegnate nei campionati tra serie C e Dilettanti, ma anche per il Brescia femminile di serie A. Proprio la squadra allenata da mister Piovani ha perso lo scontro scudetto con la Juventus a Novara, ma solo dopo i calci di rigore e visto che il match era finito 0-0 fino ai tempi supplementari.

In serie C niente da fare per la Feralpi Salò nei playoff, battuta nel match d’andata in casa contro l’Alessandria e ora chiamata a fare l’impresa al ritorno. In serie D, il Darfo perde il playoff facendo qualificare la Pergolettese, mentre quella del Lumezzane è una “tragedia” sportiva, con la sconfitta casalinga per opera del Ciserano e la retrocessione in Eccellenza. Ecco risultati e tabellini della domenica sportiva bresciana.

JUVENTUS WOMEN-BRESCIA CF 0-0 (5-4 d.c.r.)

JUVENTUS W.: Giuliani, Hyyrynen, Gama, Salvai, Boattin, Galli, Rosucci, Cernoia, Bonansea, Glionna; Franssi (38’ st Cantore). A disposizione: Russo, Prundeanu, Zelem, Franco, Lenzini, Caruso. All. Guarino.
BRESCIA CF: Marchitelli (47’ st Ceasar), Pettenuzzo, Fusetti, Hendrix, Sikora, Girelli, Giugliano, Daleszczyk, Di Criscio, Sabatino, Giacinti (5’ TS2 Heroum). A disposizione: Mendes, Magri, Cacciamali, Ghisi, Tomaselli. All.: Piovani.
Arbitro: Scapolo di Padova.
Rigori: Bonansea parato, Girelli gol, Rosucci gol, Giugliano gol, Gama gol, Daleszczyk parato, Galli gol, Sikora gol, Cernoia gol, Sabatino gol, Boattin gol, Di Criscio fuori.
Note: spettatori 3.200. Ammoniti Cernoia, Salvai. Angoli 7-4. Recuperi: 1′ e 3′.

Con questo risultato la Juventus femminile si è laureata campione d’Italia nello scontro diretto di domenica sera a Novara, dopo che entrambe erano arrivate a pari punti al termine della stagione regolare. Per le bresciane, quindi, resta l’amaro in bocca per aver sfiorato l’impresa di raggiungere il titolo.

FERALPI SALO’-ALESSANDRIA 2-3

FERALPI SALO’: Livieri, Vitofrancesco, Marchi P., Ranellucci (26′ st Ponce), Magnino (38′ st Rocca), Marchi M. (12′ st Ferretti), Raffaello (1′ st Voltan), Guerra, Staiti (38′ st Dettori), Parodi, Tantardini. A disposizione: Arrighi, Capodaglio, Bagadur, Turano, Martin, Emerson. All. Toscano.
ALESSANDRIA: Vannucchi, Celjak, Ranieri (18′ st Bellazzini), Sestu (37′ st Fischnaller), Nicco, Marconi (45′ st Chinellato), Piccolo, Giosa (1′ st Blanchard), Gonzalez, Gatto, Barlocco. A disposizione: Pop, Sciacca, Fissore, Usel, Ragni, Kadi, Brugni. All. Marcolini.
Arbitro: Cipriani di Empoli.
Reti: 7′ pt Gonzalez, 19′ st Bellazzini, 31′ st Marconi, 37′ st Staiti, 42′ st Ferretti.
Note: spettatori 1.300 circa. Ammoniti Bellazzini, Sestu, Gatto, M. Marchi, Ranellucci. Angoli 4-5. Recupero 2′ e 4′.

Sconfitta interna per la Feralpi Salò contro l’Alessandria nell’andata dei playoff di serie C. I bresciani riescono in qualche modo ad accorciare le distanze dopo aver incassato un parziale 0-3. Gli ospiti passano in vantaggio al 7′ del primo tempo con Gonzalez che calcia sotto l’incrocio. Nel secondo tempo l’Alessandria raddoppia al 19′ con Bellazzini sugli sviluppi di un contropiede e Gonzalez serve proprio il compagno che sul secondo palo mette in rete.

Dopo la mezzora arriva anche il tris dopo una palla alta che rimbalza in area, Gonzalez serve per Marconi davanti a Livieri e infila. La Feralpi Salò si sveglia solo nel finale con un tiro potente in rete di Staiti e poi con Ferretti al 43′. Ora i gardesani dovranno puntare sul ritorno mercoledì 23 maggio quando dovranno compiere l’impresa per proseguire nella corsa playoff.

PERGOLETTESE-DARFO 1-0 (19′ st Ferrario)

LUMEZZANE-CISERANO 2-3 (45′ pt De Respinis, 35′  st Defendi, 20′ pt e 13′ st Ghisalberti e 42′ pt Biraghi)

I camuni perdono in provincia di Cremona la sfida playoff di serie D e per loro finisce qui la stagione. Dramma in casa Lumezzane dove, dopo la sconfitta interna ai playout, retrocede in Eccellenza facendo il doppio salto dalla serie C. E con il presidente Renzo Cavagna che abbandona e l’allenatore Nadir Brocchi, impegnato nello scontro diretto e dopo l’esonero del predecessore, che ha annunciato l’addio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.