Quantcast

Travagliato, esposto contro fonderia Regali

Circa 50 famiglie che abitano nella zona dell'azienda, in via Del Pero, chiedono che la produzione venga fermata per poter valutare gli odori nauseabondi.

Più informazioni su

(red.) Una cinquantina di famiglie che abitano nella zona intorno alla fonderia Regali-Montini di Travagliato, nel bresciano, hanno deciso di presentare un esposto alla procura di Brescia per gli odori che emette l’azienda in corrispondenza di un certo tipo di lavorazione. Quella dei residenti è solo l’ultima ed ennesima forma di protesta dopo aver telefonato per anni all’Arpa, al Comune e ai carabinieri e aver organizzato presidi e manifestazioni. Con l’esposto, ora, gli abitanti chiedono alla magistratura se ci siano reati sul getto pericoloso di cose e violazioni penali al Testo unico dell’ambiente.

Questo è quanto si legge nel documento presentato dal legale delle famiglie. All’incontro c’erano anche il presidente del Circolo di Legambiente Franciacorta Silvio Parzanini, quella del gruppo “Giulio Bruno Nicolini” Paola Nicolini e alcuni residenti della zona di via Del Pero. E l’esposto si fa ancora più corposo, considerando che è stato allegato ad altri due procedimenti avviati dopo segnalazioni dei carabinieri e dell’Arpa e sulla quale la procura sta indagando. In realtà la fonderia esiste da prima che arrivassero nuove case, ma da Legambiente fanno sapere che non è questo il problema.

E si ritiene che la lavorazione della ghisa all’interno dell’impresa non sia compatibile rispetto al quartiere residenziale. La soluzione potrebbe essere quella di disporre un trasferimento dell’azienda, visto che questa è comunque in regola dal punto di vista delle autorizzazioni. Ma i residenti sono costretti a restare chiusi nelle case per non respirare gli odori e fumi. Nell’ultimo esposto viene quindi chiesto di fermare la produzione in attesa di compiere tutti gli accertamenti sugli impianti e di aprire un tavolo con la stessa azienda, l’Arpa, il Comune, il Comitato ambiente-aria pulita e Legambiente.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.