Quantcast

Franciacorta: piano territoriale per ambiente e turismo

Regione Lombardia ha approvato il primo piano di governo territoriale dedicato ad una Denominazione di Origine Controllata e Garantita. 24 comuni coinvolti da Sulzano a Palazzolo.

Più informazioni su

(red.) Il Piano Territoriale Regionale d’Area (PTRA) della Franciacorta, in provinci di Brescia, ha raggiunto l’atteso traguardo, con l’approvazione in via definitiva da parte del Consiglio Regionale, svoltosi lo scorso martedì 18 luglio. Si tratta di un grande risultato fortemente voluto dal Consorzio Franciacorta e dai comuni interessati al progetto, che da anni collaborano con il supporto della Regione e delle Università di Brescia e Bergamo per dotare il territorio di uno strumento capace di valorizzare al meglio le sue potenzialità ambientali e culturali.

La Franciacorta, pur presentandosi oggi come un territorio antropizzato e nel complesso caratterizzato dalla presenza di attività produttive e commerciali, rimane infatti molto sensibile ai beni naturalistici esistenti, al valore paesaggistico e alla sostenibilità, e rimane altresì convinta che l’organizzazione delle risorse locali possa proiettare le enormi potenzialità dell’area su scenari nazionali ed internazionali.

Da queste convinzioni nasce il PTRA, il primo piano di governo territoriale dedicato ad una Denominazione di Origine Controllata e Garantita, unico nel suo genere che, approcciandosi a diversi settori – dalla salvaguardia ambientale alle strategie di sviluppo economico e sociale – finalmente potrà consentire un’efficace sinergia e armonizzazione tra i programmi ed i progetti delle varie componenti territoriali, che talvolta faticano a dialogare tra loro.

La valorizzazione del territorio, dalla qualità delle aree urbane fino all’uso razionale del suolo e alla tutela del paesaggio, sono le priorità strategiche finalizzate all’obiettivo di migliorare la qualità di tutto il territorio, agendo sulla qualità dei suoi prodotti e del modo di vivere dei suoi abitanti.

Le linee guida del PTRA, messe a disposizione degli enti per l’attuazione su scala locale, si snodano sui seguenti obiettivi strategici:

–          Orientare lo sviluppo del territorio verso la riduzione del consumo di suolo e la rigenerazione urbana/territoriale

–          Promuovere l’attrattività paesaggistica e la competitività territoriale

–          Sostenere un sistema integrato di accessibilità e mobilità sostenibile

 

Una volta entrato in vigore il piano, i Comuni coinvolti inizieranno a costruire un futuro insieme per una Franciacorta migliore, il PTRA Franciacorta è il primo Piano territoriale agricolo che si concentra sullo sviluppo di una denominazione vitivinicola: un esempio di collaborazione a 360 gradi per il raggiungimento di un obiettivo comune.

Comuni Coinvolti: Adro, Capriolo, Cazzago San Martino, Cellatica, Cologne, Coccaglio, Corte Franca, Erbusco, Gussago, Iseo, Monticelli Brusati, Ome, Paderno Franciacorta, Paratico, Passirano, Provaglio d’Iseo, Rodengo Saiano, Rovato, Castegnato, Ospitaletto, Palazzolo sull’Oglio, Sulzano.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.