Quantcast

11 giugno elezioni comunali: 12 paesi bresciani

Quasi 82 mila gli aventi diritto al voto per rinnovare anche 154 consiglieri. A Desenzano, Palazzolo, Gussago e Darfo l'eventuale ballottaggio il 25 giugno.

(red.) Mercoledì 29 marzo, con un decreto, il ministro dell’Interno Marco Minniti ha fissato per l’11 giugno il giorno delle elezioni amministrative. Tra i 1.021 comuni italiani che dovranno scegliere il sindaco e rinnovare il consiglio comunale, ci sono anche dodici paesi bresciani. Sono Acquafredda, Cazzago San Martino, Darfo Boario Terme, Desenzano del Garda, Gottolengo, Gussago, Malonno, Mura, Odolo, Palazzolo, Paspardo e Provaglio Valsabbia.

Saranno quasi 82 mila i bresciani aventi diritto al voto chiamati alle urne per decidere se proseguire con lo stesso “colore” politico o cambiare tipo di amministrazione. Per quanto riguarda i Comuni con più di 15 mila abitanti – quindi Desenzano, Palazzolo, Gussago e Darfo – nel caso in cui nessuno dei candidati sindaco arrivi ad almeno il 50%+1 dei voti si andrà al ballottaggio fissato il 25 giugno. In tutti gli altri paesi, invece, è sufficiente la maggioranza. Dal punto di vista burocratico, le liste elettorali dovranno essere presentate dalle 8 di venerdì 12 alle 12 di sabato 13 maggio.

In tutto saranno eletti 154 consiglieri. Entrando nei dettagli dei paesi più popolosi, a Desenzano l’attuale sindaco Rosa Leso non si ripresenterà, quindi ci sarà un nuovo primo cittadino. Per Darfo e Palazzolo è da verificare se saranno confermati o sostituiti Ezio Mondini e Gabriele Zanni. Anche a Gussago Bruno Marchina non si ricandiderà. Per quanto riguarda gli altri paesi, attualmente ad Acquafredda c’è il sindaco Alessio Guerreschi, a Cazzago Antonio Mossini, a Gottolengo Giacomo Massa, a Malonno Stefano Gelmi, Mura è commissariato dopo le dimissioni di Umberto Corsini. Poi Fausto Cassetti a Odolo, Fabio Depedro a Paspardo e Marco Venturini a Provaglio Valsabbia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.