“Sanità, parliamone!”, gli incontri dei sindacati si spostano in provincia

A Gussago e Collebeato i prossimi appuntamenti promossi da Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil, per informare e discutere con i cittadini delle novità in materia di sanità.

Più informazioni su

Brescia. Si conclude martedì 5 aprile, con l’appuntamento alle 16 alla palazzina Campo Marte a Brescia, il primo ciclo di assemblee promosse in città da Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil, per informare e discutere con i cittadini delle novità in materia di sanità, anche in riferimento alle evoluzioni normative.
Gli incontri sono cominciati a inizio marzo, coinvolgendo gran parte dei quartieri cittadini.
Occasioni aperte a tutta la cittadinanza per parlare di sanità, della necessità della Lombardia di ricostruirla nel territorio, dove le più evidenti carenze, anche nella pandemia, sono emerse.
Iniziative organizzate per dialogare con la popolazione al fine di promuovere attenzione e conoscenza delle tematiche che riguardano la sanità e il sociale, che dovrebbero trovare nel territorio un riferimento fondamentale, in vista in particolare della nascita delle Case della comunità e delle Case della salute.

Gli incontri in città sono stati promossi, in vari casi, con i Consigli di quartiere. Buona la partecipazione: segno dell’interesse diffuso per il tema e del desiderio di riprendere momenti di partecipazione attiva, dopo il periodo attraversato.
Il calendario delle assemblee prosegue ora in provincia.
Dopo l’appuntamento a Coccaglio alla Casa della solidarietà dello scorso 22 marzo, i prossimi incontri si terranno a Gussago, il 19 aprile alle 14.30 (sala civica Camillo Togni, via Perracchia 11) e a Collebeato, il 21 aprile alle 15.30 ( Sala Isacco Guerini, ex Serra, via Violino 12).
La lista delle assemblee è in continuo aggiornamento. La partecipazione è libera, nel rispetto della normativa Covid.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.