Quantcast

Comparto tessile, giornata di mobilitazione nazionale

(red.) Martedì 22 giugno giornata di mobilitazione dei sindacati tessili per il rinnovo del contratto nazionale. Le manifestazioni si sono tenute a Milano (alle ore 10.30 in piazza della Scala), a Firenze e a Carpi. Altri presidi a Biella, Firenze, Piacenza, Rimini, Roma e Vicenza.

“Sono oltre 450 gli addetti del settore tessile, abbigliamento e moda – spiegano Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil – che a un anno e mezzo dalla scadenza aspettano il rinnovo del contratto nazionale, della parte sia normativa sia economica”.
I sindacati rispediscono al mittente le richieste del Sistema Moda Italia, centrate sulla “riduzione di tutte le procedure di consultazione con le Rsu, sminuendone il ruolo di rappresentanza, a partire da ristrutturazioni aziendali e licenziamenti; gestione unilaterale di ferie e orari di lavoro; inserimento dello straordinario obbligatorio; proposta economica di 56 euro per il periodo di vigenza contrattuale, con la verifica inflattiva”.
A fronte dello stallo della trattativa, e a sostegno delle rivendicazioni sindacali, Filctem, Femca e Uiltec hanno quindi dichiarato lo stato di agitazione e il blocco delle flessibilità e degli straordinari in tutte le realtà produttive.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.