Quantcast

Controlli sulle strade: 450 infrazioni in sette giorni

Le contestazioni vanno dalla guida senza cintura, all'utilizzo del telefonino, alla guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di sostanze. In un caso ritirata una patente croata risultata falsa.

Più informazioni su

(red.) Sono 450 le infrazioni al codice della strada elevate in una settimana dagli equipaggi di vigilanza stradale della Sezione Polizia Stradale di Brescia.

Le contestazioni riguardano 49 sanzioni per mancato uso delle cinture di sicurezza, 81 per uso del telefono cellulare durante la guida e 22 positivi all’alcool-test;  37 gli incidenti rilevati, nessuno mortale.

Il fenomeno dell’uso del cellulare alla guida, ricorda la Polizia stradale, “è la maggior causa di incidenti”, tanto da aver contestato ben 81 violazioni in sette giorni ed aver ritirato due patenti di guida a causa della recidiva della stessa sanzione nell’arco dei due anni”.

Durante il fine settimana sono stati effettuati servizi di prevenzione alle stragi del sabato sera, che hanno portato al ritiro di ben sette patenti di guida solo nella notte tra sabato e domenica. Due conducenti presentavano un tasso alcolemico che superava il limite consentito di oltre tre volte.

Non solo alcool, ma anche stupefacenti: un automobilista ventenne, l’8 ottobre, sulla sp103, nel Comune di Fara Olivana con Sola (Bergamo), è stato sorpreso, da una pattuglia del Distaccamento di Chiari, in possesso di 16 grammi di hashish per uso personale. Al conducente è stata quindi ritirata la patente di guida e il giovane è stato segnalato alla Prefettura di Bergamo.

Sempre l’ 8 ottobre, sull’Autostrada A35, all’altezza del Comune di Pozzuolo Martesana (Milano) è avvenuto un sinistro stradale senza feriti che veniva rilevato da una pattuglia del Distaccamento di Chiari.
Giunti sul posto, i poliziotti hanno notato il comportamento sospetto del conducente di un autocarro, responsabile di aver causato il sinistro a causa di un cambio di corsia improvviso e che, nonostante fosse risultato negativo all’alcool-test, mostrava evidenti segni di alterazione ed eccessiva euforia. I poliziotti hanno quindi effettuato un controllo approfondito del mezzo a seguito del quale sono state rinvenute varie sostanze stupefacenti: 7,1 grammi di hashish, 0,6 grammi di eroina e 2 grammi di marijuana.

Avendo causato il sinistro stradale ed essendo in possesso di sostanze stupefacenti, il conducente 30enne, invitato a sottoporsi ad accertamenti tossicologici presso una struttura sanitaria, ha rifiutato venendo così denunciato penalmente per il rifiuto di sottoporsi agli accertamenti tossicologici e segnalato alla Prefettura per il possesso di sostanze stupefacenti ad uso personale. Al camionista è stata ritirata la patente di guida.

Infine, durante un controllo di una pattuglia del Distaccamento di Chiari, il 9 ottobre, sulla sp17 nel Comune di Chiari, il conducente straniero di un’Audi, ha esibito una patente di guida croata in corso di validità, che a seguito di controllo approfondito risultava invece falsa. I poliziotti hanno quindi sequestrato il documento e denunciato l’automobilista per utilizzo di documentazione contraffatta. L’uomo è stato anche sanzionato per la mancanza di una patente di guida italiana, nonostante fosse residente in Italia da oltre un anno.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.