Allarme valanghe in Lombardia, monte Guglielmo sotto osservazione

A ridosso del monumento al Redentore c'è un fronte nevoso che rischia di crollare verso un taglio sottostante.

(red.) L’allarme è arrivato anche ieri in serata, venerdì 15 gennaio: in Lombardia lungo le montagne a causa delle forti precipitazioni nevose dei giorni precedenti e del rialzo delle temperature in queste ore c’è il rischio di valanghe di medie e grandi dimensioni. Che possono essere provocate anche dal semplice passaggio di un escursionista o dal vento. Per questo motivo il grado di allarme è 3, marcato.

Una situazione che pone i riflettori anche nel bresciano per quanto sta accadendo anche sul monte Guglielmo. Sopra Zone, a ridosso del monumento al Redentore e come riporta Bresciaoggi, c’è un fronte nevoso lungo un centinaio di metri e subito sotto una sorta di taglio. La zona è lontana da malghe e rifugi, ma c’è il pericolo che la massa di neve possa crollare in blocco. Con il rischio che qualche scialpinista meno esperto si trovi sul raggio d’azione della slavina. I nivologi stanno monitorando la situazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.