Controlli strade, tra i denunciati un autista con tamponi a bordo

Il fermato ha dato agli agenti di andare da un amico per sottoporlo al test diagnostico per capire se avesse il virus.

(red.) Nei giorni precedenti a venerdì 22 maggio le forze dell’ordine sono state impegnate (e continueranno a farlo) nei consueti controlli stradali e non solo, anche per verificare il rispetto delle regole sul distanziamento sociale e le misure di sicurezza. Ma nell’ambito di questi controlli una persona è finita nei guai anche per altri motivi. La Polizia stradale di Montichiari stava svolgendo un servizio di pattuglia lungo le strade quando ha fermato un’auto condotta da un 43enne bresciano. A insospettire sono stati una serie di tamponi e altri materiali che si trovavano all’interno del veicolo.

Tanto che l’automobilista non ha esitato a dire alle forze dell’ordine che stava andando da un amico per sottoporlo al test diagnostico. Il problema è che l’uomo non aveva alcuna abilitazione di quel tipo e in più non indossava alcun dispositivo di protezione individuale. Quindi, è stato denunciato per esercizio abusivo della professione. In un’altra circostanza, invece, un bresciano è stato multato dopo essere rimasto coinvolto in un incidente stradale sulla tangenziale sud di Brescia, ma senza feriti. Controllato dalla Polizia stradale di Salò, ha incassato una sanzione di 533 euro per aver violato le misure connesse al virus e un’altra maxi multa perché guidava nonostante avesse la patente sospesa.

Nei suoi confronti è scattata anche una denuncia per essersi rifiutato di sottoporsi al test dell’alcol e si è visto fermare il veicolo per tre mesi. Nell’ambito degli altri controlli effettuati dal 16 al 19 maggio dalla Polizia stradale di Brescia sono state utilizzate 94 pattuglie tra autostrada e sulle provinciali. Il bilancio è di 564 veicoli controllati e 682 persone analizzate, con 146 sanzioni, 284 punti decurtati, otto patenti ritirate, due automobilisti trovati positivi all’alcol e 23 sanzionati per non aver rispettato le disposizioni sanitarie.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.