Rischio assembramenti nel primo weekend, controlli delle forze dell’ordine

Da stasera a domenica Polizia e carabinieri per un giro di vite tra la città e i laghi. Rischio di locali troppo pieni.

(red.) Le immagini dei giorni precedenti a giovedì 21 maggio, soprattutto da Milano e Padova con locali affollati di giovani alle prese con aperitivi e drink, ma spesso anche senza indossare mascherine o alcun dispositivo di protezione individuale, hanno allarmato i governatori e i sindaci. Su tutti, quello del Veneto Luca Zaia e anche della Lombardia Attilio Fontana. Una situazione, quella dei rischi di assembramenti connessi ai giovani che tornano a ritrovarsi intorno a un tavolo con gli amici e gustando aperitivi dopo tre mesi di chiusura, che viene monitorata anche a Brescia.

Non a caso nelle ore precedenti a giovedì il Ministero dell’Interno ha chiesto di potenziare i controlli verso bar, ristoranti e locali pubblici soprattutto in vista del fine settimana, il primo di questa fase 2b e con il permesso di maggiori concessioni. Le forze di Polizia locale, così come i carabinieri anche in provincia di Brescia dallo scorso lunedì 18 maggio, con l’inizio di una nuova fase e misure di contenimento ancora più allentate, stanno monitorando proprio i locali per far rispettare le regole.

A Brescia città almeno per ora non si sono registrati disagi, ma in vista del fine settimana si prevedono controlli straordinari da parte delle forze dell’ordine. Quindi, carabinieri, Polizia di Stato e le forze locali saranno chiamati a svolgere servizi dedicati da stasera, giovedì 21, fino a domenica 24 maggio. Non solo a Brescia città, ma anche sui laghi di Garda e Iseo dove nel weekend si prevede un afflusso di turisti e cittadini della provincia, ma anche lombardi considerando che al momento non ci si può spostare tra regioni diverse, se non per motivi di lavoro, salute o necessità.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.