Brescia, era aperta nel lockdown: chiusa un’agenzia di viaggi

Da lunedì 18 maggio il negozio di via Fratelli Ugoni (già multato) dovrà ora restare chiuso per due settimane.

(red.) Sperava di poter riaprire come molte altre attività commerciali a partire da lunedì 18 maggio, ma il suo comportamento senza il rispetto delle regole messo in campo a marzo, in pieno lockdown, gli è stato fatale. Proprio lunedì, nel momento in cui negozi e altre attività, anche a Brescia, hanno potuto riaprire i battenti, un’agenzia di viaggi in via Fratelli Ugoni, in centro, è rimasta chiusa. E dovrà restare così per quindici giorni dopo che il provvedimento, emesso dalla questura, è stato eseguito dal personale della Divisione di Polizia amministrativa di via Botticelli.

Lo scorso marzo, infatti, durante uno dei numerosi controlli per verificare che non ci fossero attività commerciali aperte rispetto a quelle necessarie, una Volante della Polizia aveva notato che quell’agenzia di viaggi gestita da uno straniero era aperta in sfregio alle regole. Il locale era stato quindi sgombrato degli addetti e dei clienti ed emettendo una sanzione ai danni dell’attività. Ora si è aggiunta anche la sospensione per due settimane.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.