Coronavirus, troppi furbi per strada: 192 multati in un giorno

Bassa Bresciana e Garda tra i colpiti. In Franciacorta c'è chi esce più volte presentando la stesso modulo.

Più informazioni su

(red.) A livello nazionale c’è la sensazione che la notizia, positiva, del rallentamento dei nuovi casi di contagio da coronavirus abbia indotto più persone a uscire di casa e anche per motivi inutili, visto che sono fioccate denunce e sanzioni. In provincia di Brescia, dove secondo le forze dell’ordine i comportamenti e le regole si stanno rispettando in linea di massima, non mancano le situazioni particolari. Tanto che giovedì 2 aprile sono state controllate 2.985 persone e 192 di queste sono state sanzionate.

Quattro hanno incassato denunce per aver presentato una falsa autocertificazione. Nel bilancio dei controlli ci sono anche 1.600 esercizi commerciali e un totale di oltre 46 mila persone in provincia dallo scorso 12 marzo. Di questo calcolo fanno parte 2.754 soggetti sanzionati, 36 denunciate per aver dichiarato il falso e 109 per altri motivi. Tra gli esercizi commerciali analizzati ci sono 13 non in regola. Altri controlli hanno interessato anche la Bassa bresciana dove in quattro giorni sono state emesse 150 multe e 60 sul lago di Garda. Proprio nella Bassa, la Polizia Locale di Montichiari negli ultimi tre giorni ha emesso una media di cinque sanzioni al giorno. Dall’8 marzo sono state 47 le multe e tra i destinatari c’è anche un albanese residente a Calcinato beccato due volte in tre giorni fuori di casa e anche dal Comune con motivi non necessari.

Altri interventi di analisi del territorio riguarderanno questo fine settimana anche il Monte Netto da parte della Polizia Locale e dei carabinieri per evitare la presenza di furbi alle prese con le corse e il jogging. Tanto che in Franciacorta sono emersi diversi episodi di persone che escono più volte al giorno per fare acquisti e mostrando l’autocertificazione sempre identica. Un comportamento furbesco che sarà sanzionato.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.