Desenzano, una mazza, un ubriaco e arnesi tra controlli Polizia

Bilancio dell'attività condotta dal commissariato. Anche chi guidava l'auto con la patente che gli era stata revocata.

(red.) Nei giorni precedenti a giovedì 20 febbraio gli agenti bresciani della Polizia di Stato di Desenzano del Garda hanno intensificato i controlli per prevenire e contrastare i reati predatori, lo spaccio di sostanze stupefacenti e l’immigrazione clandestina. Per questo motivo si è svolta un’intensa attività di controllo che ha interessato le strade più trafficate, i luoghi di particolare frequentazione e le zone più colpite dalla criminalità. L’attività, che ha visto l’impiego di numerose unità operative del commissariato, si è conclusa con 172 persone identificate, 91 veicoli controllati, otto posti di blocco, la verifica di 16 persone ai domiciliari e di quattro esercizi pubblici.

Durante un posto di blocco in via Marconi, nell’abitacolo di un’Audi condotta da un italiano di 52 anni, residente a Calvisano, con precedenti per reati contro la persona, è stata trovata sotto il sedile una mazza da baseball di circa 60 centimetri. L’uomo per questo motivo è stato denunciato per porto d’armi o possesso di oggetti atti ad offendere. In via Papa Giovanni XXIII, invece, una Volante durante il servizio di perlustrazione ha controllato una Volkswagen Passat con a bordo un romeno di 26 anni residente in Germania. Nel veicolo sono stati rinvenuti arnesi atti allo scasso, un coltello lungo circa 20 centimetri e una bomboletta spray urticante contenente una percentuale di sostanza vietata superiore a quella consentita. L’uomo è stato denunciato a piede libero all’autorità giudiziaria.

Un altro italiano di 38 anni residente in provincia di Trento, mentre si trovava alla guida della sua auto, è stato controllato in tangenziale e trovato positivo al test dell’alcol, con un tasso di 1,02 grammi per litro, più del doppio del consentito. Per lui è scattata una denuncia per guida sotto l’influenza di sostanze alcoliche e si è anche visto ritirare la patente. Nell’ambito degli stessi controlli, un 40enne italiano residente a Desenzano è stato sorpreso alla guida del suo veicolo senza patente e dopo che questa gli era stata revocata nel giugno del 2019. Anche per lui è scattata una denuncia per guida senza patente. Infine, tre dei quattro esercizi pubblici controllati avevano delle irregolarità amministrative e sono state sanzionate.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.