Quantcast

Desenzano, niente bici per tutto l‘anno in centro

Ordinanza della Polizia Locale per fermare fenomeno di quanti si muovono sulla due ruote ad alta velocità tra pedoni, i portici e i camerieri che servono.

Più informazioni su

(red.) Diverse città di un certo pregio architettonico e dal fascino turistico stanno studiando da tempo di abolire le auto dai centri storici e dando spazio solo alla mobilità dolce, in primis le biciclette. Purché anche i ciclisti rispettino le regole. E per questo motivo anche Desenzano, dopo Sirmione e Salò, ha deciso di bandire le due ruote dal centro storico della località gardesana. Al centro del dibattito c’è il fatto che molti appassionati delle biciclette, invece di limitarsi a fare passeggiate e a procedere a bassa velocità, sembra che sfreccino tra i pedoni, persino sotto i portici e anche tra i camerieri che portano le pietanze ai clienti all’esterno.

Quindi, la Polizia Locale, d’intesa con la giunta comunale, ha emesso un’ordinanza permanente e valevole tutto l’anno che vieta il transito alle due ruote tra piazza Malvezzi, Duomo, via Achille Papa e piazza Matteotti. Una misura più stringente rispetto a quella di Salò dove il divieto è in vigore solo l’estate, ma meno a quella di Sirmione dove i turisti non possono nemmeno portare a mano la bicicletta nel punto in cui è vietato il transito.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.