Autisti aggrediti, arriva doppio pulsante

E' una delle novità emerse venerdì 29 al tavolo sulla sicurezza in prefettura. In estate previsto anche un sistema di telecamere alle fermate.

Più informazioni su

Autista Sia(red.) Due pulsanti sulla plancia del conducente e un sistema di telecamere di video sorveglianza sulle principali fermate degli autobus. Sono le idee emerse venerdì 29 gennaio alla prefettura di Brescia dove i vertici della società di trasporto pubblico Sia hanno partecipato a una riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica. Come scrive il Giornale di Brescia, entro luglio sulle tratte Brescia-Gardone Valtrompia-San Colombano e Brescia-Salò-Gargnano sarà sperimentato il doppio tasto di emergenza. Una possibile soluzione per combattere le numerose aggressioni ai danni degli autisti e che hanno spinto allo sciopero di venerdì 29. Il conducente avrebbe a disposizione un pulsante giallo per allertare l’azienda e uno rosso, nei casi più gravi, per contattare il 112. Attraverso un collegamento in gps, le forze dell’ordine saprebbero la posizione dell’autobus dove intervenire.
A questo entro l’estate potrebbe aggiungersi anche il sistema di telecamere sulle fermate per mostrare chi sale e scende dagli autobus e identificare gli eventuali aggressori. Allo stesso tavolo in prefettura, però, è anche arrivata la critica dell’Ats (ex Asl) di Brescia sul fatto che il documento della Sia sulla prevenzione non sarebbe pienamente attuato. E cosa ne pensano i conducenti delle possibili nuove misure? Sul doppio pulsante si dicono contrari perché la segnalazione arriverebbe solo dopo il diverbio o l’aggressione subita per opera dei passeggeri. Chiedono, invece, le protezioni in plexiglas che li separino dagli utenti. Entro la metà di febbraio la Cgil ha annunciato un presidio davanti alla sede della Provincia di Brescia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.