Quantcast

Terrorismo, fermato pakistano a Brescia

Ahmed Riaz, 30 anni, accusato di aver postato sui social network materiale di ispirazione jihadista. Rimpatrio immediato.

jihad-da-arab-press(red.) Brescia tessuto sensibile al terrorismo di matrice islamica? Nella giornata di mercoledì 18 marzo, i carabinieri del Ros hanno fermato un pakistano di 30 anni, Ahmed Riaz, accusato di far parte di una rete che ha finalità terroristiche. L’immigrato era già destinatario di un provvedimento di espulsione emesso, lo scorso febbraio, dal ministro dell’Interno su richiesta dell’arma dei carabinieri.
Secondo quando trapelato Ahmed Riaz, noto anche con il soprannome di Humayun, era già tenuto sotto osservazione nell’ambito di indagini su pachistani gravitanti in provincia di Brescia ed appartenenti a network terroristici, di cui faceva parte anche Resim Kastrati, già espulso dall’Italia per motivi di sicurezza dello Stato e prevenzione del terrorismo.
Il 30enne, già giovedì, sarà allontanato dall’Italia e scortato fino in Pakistan. E’ accusato di aver intrattenuto frequenti contatti su social network, condividendo fotografie, video e altro materiale di ispirazione jihadista, con estremisti antioccidentali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.