Quantcast

Agricoltura, un patto contro gli infortuni

Un accordo siglato tra Azienda sanitaria locale ed associazioni di categoria per un programma di formazione teorico-pratica per gli addetti al settore agricolo.

(red.) La prevenzione degli infortuni sul lavoro nel settore agricolo è oggetto di un accordo tra Asl di Brescia e le associazioni di categoria (Unione Provinciale Agricoltori, la Confederazione Italiana Agricoltori e la Federazione Provinciale Coldiretti di Brescia), accordo che è stato siglato lunedì nella sede di via Duca degli Abruzzi.
Se da un lato il trend degli incidenti sul lavoro è sensibilmente calato negli ultimi dieci anni, tuttavia le criticità maggiori si riscontrano ancora nel campo dell’agricoltura dove il numero delle morti bianche è diminuito in modo meno netto.
Sono stati infatti nove nel triennio 2010/2012 gli incidenti mortali in agricoltura,  nei primi 9 mesi del 2012 gli infortuni gravi sono stati 53, contro i 132 del 2011 e i 192 del 2007.
All’origine di questa disparità tra settori il fatto che la maggior parte delle attività agricole siano a conduzione famigliare e questo comporta una minore assiduità di controlli ed un allentamento, talvolta, delle misure di prevenzione.
Un quadro all’interno del quale si inserisce l’accordo siglato a Brescia tra azienda sanitaria ed associazioni di categoria che prevede corsi teorico-pratici per i lavoratori agricoli sui rischi più frequenti nel settore (in cima vi è il ribaltamento del mezzo d´opera e le cadute dall´alto). A condurli personale messo a disposizione gratuitamente dall’Asl per la formazione degli operatori agricoli, che a loro volta formeranno i propri iscritti.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.