Quantcast

“Il delirio del particolare”, martedì la prima al Teatro Sociale

Lo spettacolo è interpretato a Maria Paiato, Alessandro Mor e Carlo Valli con la regia di Giorgio Sangati. Resterà in scena a Brescia fino al 31 ottobre per poi spostarsi a Palermo, Trieste e Milano.

(red.) Nel novembre del 1978 a Sendai, in Giappone, muore cadendo da una scala Carlo Scarpa, uno dei più grandi maestri di architettura del Novecento.
A distanza di qualche decennio l’anziana vedova di un ricco imprenditore torna, accompagnata da un badante, nella sua villa su un lago, progettata proprio da Scarpa, insieme al cimitero di famiglia fatto costruire dal consorte, cimitero dove è sepolto per sua volontà anche l’illustre architetto.
La donna non mette piede nella casa da anni, e da anni è tramontato anche il mondo economico e culturale di cui è stata protagonista assieme al marito: la produzione di elettrodomestici di design, i salotti mondani con ospiti i maggiori esponenti dell’arte, della letteratura e della musica del momento. Tutto finito, e forse, come la fabbrica, anche la villa sarà venduta…

Il Delirio del particolare Ctb foto Serena Pea

Con il testo Il delirio del particolare di Vitaliano Trevisan, il Centro Teatrale Bresciano inaugura la sua quarantottesima Stagione di prosa intitolata E ti vengo a cercare. Con protagonista Maria Paiato, sul palcoscenico insieme a Carlo Valli e Alessandro Mor, per la regia di Giorgio Sangati, la produzione Centro Teatrale Bresciano e Teatro Biondo di Palermo debutterà in prima nazionale martedì 19 ottobre 2021, alle ore 20.30, al Teatro Sociale di Brescia (via Felice Cavallotti, 20) e resterà in scena fino al 31 ottobre. Le scene sono di Alberto Nonnato, i costumi di Gianluca Sbicca, le musiche di Michele Rabbia, le luci di Cesare Agoni, Valeria de Santis è assistente alla regia.
Lo spettacolo toccherà successivamente i palcoscenici del Teatro Biondo di Palermo, del Rossetti di Trieste e del Teatro Carcano di Milano.

Il Delirio del particolare Ctb foto Serena Pea

Nella vasta casa immaginata da Trevisan, in una sorta di ipnotico flusso di coscienza, la signora – interpretata da Maria Paiato – accompagnata dal badante Cecchin – Alessandro Mor – ripercorre la sua vita: il suo passato di attrice teatrale, l’abbandono della carriera per sposare il ruolo di moglie e poi di madre e il rapporto strettissimo, quasi morboso, con il grande architetto.
Nel tempo sospeso di questo soggiorno, la vedova incontra anche un professore di storia dell’architettura che sta scrivendo un saggio su Scarpa – Carlo Valli –: lui le svelerà l’enigma di Sendai, lei gli consegnerà alcuni preziosi disegni del maestro.
Nel serrato alternarsi di soliloqui, silenzi e dialoghi tra i due personaggi, emerge sempre più nitido e al tempo stesso indecifrabile il ritratto di un uomo eccentrico e geniale, ossessionato dal dettaglio e dal controllo (il delirio del particolare, appunto); un regista capace di giocare con lo spazio e con il tempo, di sfidare – attraverso la creazione di un poema frammentario in forme architettoniche – il mistero della morte.
Sarà una scrosciante pioggia, nel finale, a sciogliere inaspettatamente l’enigma di un’arte e di una vita criptiche, rivelando il senso recondito di una ricerca artistica straordinaria: intrecciare la vita con il suo disfarsi, la natura con l’architettura, attraverso la melodia inesausta delle cose…

Il Delirio del particolare Ctb foto Serena Pea

Vitaliano Trevisan scrive un testo metafisico, dove il racconto del magistero di Scarpa diviene un meraviglioso pretesto per svolgere una malinconica, struggente riflessione sull’arte e sulla fine. Firma la regia un giovane fuoriclasse come Giorgio Sangati, che si avvale di due eccellenti attori come Carlo Valli e Alessandro Mor e di un’artista di immenso talento come Maria Paiato, vincitrice nel 2019 del premio Ubu. Il testo ha vinto il Premio Riccione nel 2017.
Lo spettacolo è realizzato grazie al contributo di Ministero della cultura, Gruppo A2A, Fondazione Asm e Fondazione della Comunità Bresciana Onlus e Intesa Sanpaolo.

Il Delirio del particolare Ctb foto Serena Pea

Biglietti
Intero platea 27 euro, I galleria 20 euro, II galleria 18 euro, III galleria 15 euro.
Ridotto Soci Coop, Arci, Touring Club e titolari carta Ikea family: platea 25 euro, I galleria 18 euro, II galleria 16 euro, III galleria 13 euro.
Ridotto fino a 25 anni e ultra 65: platea 20 euro, I galleria 16 euro, II galleria 14 euro, III galleria 11 euro

Modalità di acquisto
Biglietteria del Teatro Sociale, Via Felice Cavallotti, 20 – Brescia. Tel. 030 2808600; e-mail biglietteria@centroteatralebresciano.it. Orari  lunedì – sabato 9.00-13.00 e 16.00-19.00, domenica chiuso. 60 minuti prima dell’inizio di ogni spettacolo saranno in vendita esclusivamente i biglietti per la serata stessa.
Biglietteria telefonica. Secondo gli stessi orari del botteghino, è disponibile la biglietteria telefonica al numero 376 0450011. Si informa che agli acquisti effettuati e pagati con carta di credito, tramite il servizio di biglietteria telefonica, verrà applicata la maggiorazione pari al 2,5% del costo dell’abbonamento o biglietto.
Punto vendita Ctb. Piazza della Loggia, 6 – Brescia, dal 2 novembre 2021: martedì – venerdì 10.00-13.00 (escluso i festivi)
On-line sul sito www.vivaticket.it e in tutti i punti vendita del circuito.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.