Quantcast

Giornata delle Fondazioni, sui bus un messaggio di socialità

Due mezzi speciali di Brescia Mobilità circoleranno in città fino alla fine dell'anno promuovendo il messaggio di cura e di sostegno delle Fondazioni bresciane.

(red.) Due autobus speciali dedicati alla Giornata Europea delle Fondazioni, celebrata lo scorso 1° ottobre, circoleranno fino a fine anno per le vie di Brescia.

Per l’occasione infatti le realtà filantropiche di Brescia associate ad Assifero, l’Associazione italiana Fondazioni ed Enti Filantropici che promuove la Giornata sul territorio nazionale, hanno deciso di aderire all’iniziativa “Non sono un murales – Segni di comunità”.

Un evento diffuso su tutto il Paese che ha avuto al centro un murales progettato dal giovane urban artist pistoiese LDB.
L’immagine, un adulto che allaccia le scarpe ad un bambino, emblema di cura e di sostegno verso prospettive future, è stata riprodotta e reinterpretata in diverse città italiane tramite un medesimo stencil.

Le Fondazioni bresciane, tra cui anche Fondazione ASM, hanno deciso per un murales che fosse “viaggiante” in modo da raggiungere il vasto territorio in cui operano. Lo stencil è stato quindi riportato sui due autobus, grazie anche al contributo del Gruppo Brescia Mobilità, con una diffusione capillare del messaggio. Il murales inoltre è stato pubblicato a pagina intera sui principali quotidiani locali e sarà infine realizzato in uno spazio del Parco Caduti di Nassirya dai ragazzi del quartiere che frequentano il Centro di Aggregazione Giovanile.

Un’occasione per far conoscere meglio le Fondazioni e il loro operato attivo sul territorio della città e non solo. Sono nove infatti le realtà bresciane associate ad Assifero che hanno promosso l’iniziativa e che nel 2020 hanno erogato oltre 25 milioni di euro in progetti dedicati al mondo del sociale, della cultura, dell’istruzione e della ricerca e, vista la situazione pandemica, anche sul fronte Covid. Dimostrazione di un impegno costante a favore della comunità reso possibile dalla generosità dei donatori e dalla capacità di fare rete delle Fondazioni stesse.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.