Quantcast

Maltempo, “eventi imprevedibili, interventi programmati”

Lo ha detto l'assessore regionale al territorio e protezione civile, Pietro Foroni, in riferimento agli eventi calamitosi verificatisi nel fine settimana in Lombardia.

(red.) Nella notte di sabato 18 e durante la giornata di domenica 19 settembre si sono registrati eventi calamitosi intensi su gran parte del territorio lombardo che hanno interessato, principalmente, le province di Brescia, Lodi e Pavia.

Nella provincia di Brescia, a Malonno, l’esondazione del torrente Cole ha causato l’interruzione della strada comunale, mentre nei comuni di Pontevico, Verolanuova e Manerbio è stata registrata una tromba d’aria che ha danneggiato case e sradicato alberi. Stessa situazione registrata in alcuni Comuni del Lodigiano, Corte Palasio e Crespiatica, oltre che in alcuni territori della provincia di Pavia (comuni di Marzano e Roncaro).

Innanzitutto vorrei esprimere la mia vicinanza – ha detto l’assessore al Territorio e Protezione civile, Pietro Foroni- a tutte le popolazioni colpite dal maltempo e ringraziare tutti i volontari e soggetti che in queste ore stanno provvedendo per ripristinare la sicurezza. La Sala Operativa Regionale sta monitorando costantemente la situazione e l’evoluzione dei fenomeni in atto. Ancora una volta ci troviamo di fronte ad eventi calamitosi di straordinaria intensità, difficili da prevedere che, fortunatamente, non hanno registrato vittime”.

“Ricordo – ha proseguito l’assessore – che è proprio grazie all’azione preventiva di Regione se gli ultimi fenomeni temporaleschi non hanno provocato disastri irreparabili, tra cui i lavori di sistemazione del fiume Adda e del Seveso: le manovre effettuate sul Canale Scolmatore, per esempio, hanno consentito di far sì che l’Olona non esondasse a Rho, Pero e Milano centro. Importante intervento anche da parte di Aipo che a seguito degli eventi calamitosi, ha attivato immediatamente la diga di Ponte Gurone, a Malnate, che ha rallentato la portata di fiume riducendo il rischio per la comunità a valle”.

Sono previste – ha concluso – opere programmate da Regione in collaborazione con Aipo per la messa in sicurezza: la cassa di laminazione a Parabiago (in aggiudicazione) e la vasca di laminazione nei comuni di Lozza e Gorla Maggiore (progetto esecutivo previsto per il 2022) in provincia di Varese”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.