Quantcast

Energia idroelettrica, 11 mln al gruppo bresciano L&L

Chiusa un'operazione finanziaria con Iccrea Banca e BCC del Garda per la realizzazione di quattro centrali idroelettriche, di cui una a Gottolengo.

Più informazioni su

(red.) Il gruppo bresciano L&L SpA, specializzato nella produzione di energia da fonti rinnovabili, ha chiuso un’operazione finanziaria da 11,4 milioni di euro con Iccrea Banca e BCC del Garda per la realizzazione di quattro centrali idroelettriche: una nel bresciano (Gottolengo), due nel mantovano (Marmirolo e Porto Mantovano) e una nel bolognese (Marzabotto).

Con il sito di Porto Mantovano (Mantova) è stato avviato l’ultimo dei quattro impianti idroelettrici realizzati dal Gruppo L&L SpA (Lazzari&Lucchini) e finanziati dal Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea.

L’operazione, un Project Finance del valore complessivo di 11,4 milioni di euro, della durata di 15 anni e che vede coinvolte Iccrea Banca – come capofila del pool – e BCC del Garda, ha accompagnato il Gruppo bresciano L&L nella realizzazione dei quattro impianti a partire dai due in servizio dallo scorso mese di aprile, a Marzabotto (BO) e a Marmirolo (MN), con il terzo a Gottolengo (Brescia) avviato nel luglio scorso.

Gli impianti, con una potenza complessiva di 824 KW, sono tutti ad acqua fluente con un impatto ambientale particolarmente basso e senza alterazione delle portate naturali. Le strutture produrranno circa 6,0 milioni di Kwh di energia elettrica da fonte rinnovabile, equivalenti alla copertura del fabbisogno energetico di oltre 1.900 famiglie, e con una riduzione di emissione di CO2 in atmosfera complessiva pari a 3.200 tonnellate annue. I progetti sono tutti risultati in posizione utile nei Registri indetti ai sensi del Decreto MISE FER 2019 Bando II e IV con l’aggiudicazione di una tariffa incentivante costante per la durata di 20 anni.

Nel dettaglio, le beneficiarie del finanziamento sono quattro società di scopo detenute al 100% dalla holding del Gruppo Lazzari&Lucchini, gruppo riconducibile agli imprenditori bresciani Anna Lazzari e Imerio Lucchini e operativo nel settore delle rinnovabili dal 2014, con una consolidata esperienza nel settore eolico e idroelettrico e una recente specializzazione
nella produzione di biometano avanzato, sviluppato in partnership con Green Arrow Capital, uno dei principali operatori italiani indipendenti nel panorama degli investimenti alternativi con asset in gestione pari a 1,8 miliardi di euro di raccolta storica.

centrale idroelettrica

“Il sistema idroelettrico svolge un ruolo chiave nella transizione verso l’energia a basso contenuto di carbonio”, ha dichiarato Anna Lazzari Presidente di L&L SpA. “Come si legge nel Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima (PNIEC), strumento fondamentale per cambiare la politica energetica e ambientale del nostro Paese, l’idroelettrico costituisce una risorsa strategica da valorizzare e incrementare. La frontiera forse più avanzata dello sviluppo idroelettrico è rappresentata proprio dai nuovi impianti di piccola taglia, altamente efficienti e perfettamente integrati nell’ambiente. Nella realizzazione e gestione delle nostre centrali poniamo grande attenzione ai principi di tutela dei fiumi, sia della risorsa idrica sia della biodiversità. Siamo quindi molto soddisfatti di incontrare sulla nostra strada un alleato come il Gruppo Iccrea, capace di guardare con responsabilità e impegno nella direzione dello sviluppo sostenibile”.

“Apprendo con grande soddisfazione”, ha dichiarato il Direttore Generale di Bcc del Garda Massimiliano Bolis, “che, con l’entrata in funzione dell’impianto di Porto Mantovano, si è definitivamente completato l’ambizioso progetto promosso dal gruppo L&L SpA (Lazzari&Lucchini) e finanziato dal nostro Istituto in sinergia con Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, per la realizzazione di quattro impianti per la produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile. Una realizzazione importante”, ha continuato Bolis, “sotto il profilo del rispetto ambientale, e che guarda fattivamente alla ‘transizione energetica’ su cui sarà impegnata l’intera Comunità Europea da qui in avanti. Una realizzazione altrettanto importante per quanto riguarda l’impegno economico ad essa sotteso, del valore complessivo di oltre 11 milioni di euro; e a cui la BCC del Garda ha dato il proprio convinto sostegno nella consapevolezza che è proprio da progetti come questo che possono derivare sicuri benefici al territorio e alle comunità che vi operano”.

“La partecipazione del Gruppo Iccrea all’operazione vuole sintetizzare i valori interiorizzati dal Gruppo per il prossimo futuro”, ha dichiarato Carlo Napoleoni Responsabile della Divisione Impresa di Iccrea Banca”, valori che vanno dall’attenzione verso l’economia circolare a quello dello sviluppo sostenibile, con un focus sulla dimensione ambientale e sociale. Oggi, e ancor più domani, ascoltare i territori si traduce in attività che diano valore ai
settori delle fonti rinnovabili pulite ed inesauribili, e la nostra partnership con Gruppo Lazzari&Lucchini va in questa direzione”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.