Quantcast

Montagne, 20 mln di euro per le aree “fragili”

Stanziamento del Pirellone per raggiungere "livelli adeguati dei servizi essenziali alla cittadinanza e all'attivazione di processi di crescita sociale ed economica".

(red.) Via libera alla strategia regionale aree interne. Le risorse previste, 20 milioni di euro, saranno assegnate con criteri di complementarità e integrazione rispetto ad altre fonti finanziarie, fondi comunitari della programmazione 2021 – 2027, fondi statali o risorse autonome del territorio.
La norma approvata dal Consiglio regionale”, ha spiegato l’assessore a Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni, Massimo Sertori, “prevede che la Regione promuova e sostenga l’attuazione di strategie di sviluppo territoriale integrate e multisettoriali che contribuiranno al raggiungimento di livelli adeguati dei servizi essenziali alla cittadinanza e all’attivazione di processi di crescita sociale ed economica degli ambiti montani e delle aree, anche di pianura, che presentano situazioni di fragilità”.

“Le strategie”, ha aggiunto Sertori, “ che dovranno essere pensate nell’ottica dello sviluppo sostenibile, saranno definite prima di tutto dai territori, in un percorso basato sul confronto costante con Regione e con tutti i portatori d’interesse, chiamati a dare contributi concreti sia nella programmazione di interventi ed attività sia nella loro realizzazione. Il tutto in sinergia con la Strategia Nazionale Aree Interne”.
“Nella fase di programmazione comunitaria 2014/2020 sono state individuate solo 4 aree interne”, ha sottolineato l’assessore regionale, “con la costruzione della nuova strategia regionale vorremmo avere invece attenzione a tutti gli ambiti che presentano condizioni di maggior fragilità, ambiti che saranno individuati sulla base di indicatori di carattere territoriale e socio – economico”.

Nell’assestamento di bilancio è stato approvato anche uno stanziamento aggiuntivo di 20 milioni di euro per la costruzione e l’attuazione di Strategie di sviluppo delle Valli Prealpine.
“Anche in questo caso”, ha commentato l’assessore Sertori, “l’obiettivo del finanziamento è lo sviluppo di strategie territoriali che possano effettivamente contribuire in maniera efficace al rilancio dei territori, anche a seguito della situazione emergenziale legata alla pandemia”.
Un tema , quello del rilancio delle aree agricole montuose della regione, su cui si è espresso anche l’assessore bresciano Fabio Rolfi.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.