Quantcast

Valsabbia, Europolish alla conquista degli Usa

L'azienda di Sabbio Chiese porta il meglio della produzione bresciana per la finitura industriale delle superfici nel Delaware.

(red.) Europolish sbarca negli Stati Uniti e apre una filiale a Newark, Delaware.
È l’inizio di una nuova era per l’azienda nata nel 1986 a Sabbio Chiese, nel bresciano, specializzata nella produzione di paste abrasive e utensili per la finitura industriale delle superfici.

La nuova filiale Usa, denominata Europolish Precision Finishing USA, rientra nella strategia di crescita che l’impresa da tempo porta avanti con la determinazione di consolidare la posizione di leadership nel settore, fornendo una gamma di prodotti e servizi sempre più innovativi e sicuri, altamente specializzati ed ecologicamente sostenibili. I composti realizzati da Europolish sono destinati all’automotive, alla finitura di casalinghi, sanitari, gioielli, orologi e accessori moda, ma anche all’applicazione nel settore medicale, elettronico, marittimo e persino aerospaziale.

Dalla prima esperienza bresciana e forte proprio di quella imprenditorialità tipica del territorio, la società si è espansa, mirando ai mercati esteri. All’espansione commerciale è però preceduto un grande investimento pionieristico e tecnologico di automazione nello stoccaggio e nei processi di produzione, miscelazione ed imballo e nella costituzione di un laboratorio chimico attrezzato nello stabilimento di Sabbio Chiese: una mossa che anche grazie ad importanti collaborazioni ha consentito di accrescere la competitività dell’azienda a livello globale, ponendo sempre maggior attenzione ai temi della sicurezza e della sostenibilità ambientale.

“Dallo stabilimento di Sabbio Chiese e di Torino esportiamo oltre il 70% della nostra produzione un po’ in tutto il mondo. Vantiamo clienti internazionali importanti in vari ambiti, nonostante siamo un’azienda di piccole dimensioni ma che ben si difende nella nicchia di mercato a cui apparteniamo”, ha spiegato Giuseppe Vigevani, Ce0 di Europolish.

Nel 2004 l’azienda ha aperto la prima filiale estera in Malesia (EPFE) per lo sviluppo del mercato asiatico, proseguendo una decina di anni dopo (nel 2014) con la costituzione di altre due filiali: una ad Hong Kong (EPF), l’altra a Shanghai (EPFS).

Allo stesso tempo si è deciso di rafforzare la presenza in Europa, dando vita ad una filiale in Germania, ad oggi il principale mercato di riferimento per il settore abrasivi nonché sede dei principali competitor.

Fondamentali per la crescita della società due Joint Venture costituite nel 2017 sempre sul fronte europeo: la prima in Francia, finalizzata allo sviluppo di prodotti ad alta tecnologia per le super finiture (EMPF), e l’altra a Torino, orientata allo sviluppo di prodotti per settori speciali (EPVB). Entrambe hanno condotto al potenziamento della capacità tecnica e commerciale dell’azienda sul posto, con la possibilità di seguire più da vicino i trend globali del settore manifatturiero e anzi di anticipare nuove esigenze.

A metà del 2020 è stato acquisito il socio concorrente Vagnone&Boeri Abrasivi in EPVB (Torino) e oggi nella mappatura delle filiali Europolish si aggiunge un nuovo traguardo strategico, mirato a consolidare la presenza della società negli Stati Uniti, in Canada e in Messico. Un obiettivo che rappresenta un ideale di crescita e che porta tutta l’esperienza, la tecnologia e la filosofia di Europolish a servizio di nuove opportunità Oltreoceano.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.