Quantcast

Iseo, torna a volare il nibbio ferito

L'esemplare, rinvenuto sulla spiaggia di Iseo e curato al Cras di Paspardo, è stato rilasciato ed i suoi spostamenti ora saranno monitorati.

Più informazioni su

(red.) E’ tornato a spiegare le sue possenti ali il nibbio bruno rinvenuto, ferito, sulle rive del lago d’Iseo, a  Toline di Pisogne, una trentina di giorni fa.

Il rapace è stato curato e quindi rilasciato dal Centro recupero animali selvatici (Cras) di Paspardo.
L’esemplare, di circa tre anni, era stato rinvenuto da alcuni giovani sulle sponde del Sebino: probabilmente era rimasto ferito nell’impatto con i cavi dell’elettricità, finendo in acqua e poi riuscendo, con uno sforzo che o aveva debilitato, a raggiungere la spiaggia.

Il nibbio è stato rilasciato nella stessa zona del ritrovamento, ma è stato inanellato e dotato di un trasmettitore satellitare che ne seguirà gli spostamenti.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.