Martedì 22 al Sociale, confronto fra i sei critici di “Rigenerazioni”

Più informazioni su

(red.) L’Aab, Associazione artisti bresciani, organizza per martedì 22 settembre 2020 alle ore 18 presso il Teatro Sociale di via Felice Cavallotti, 20 un incontro pubblico dal titolo “I sei critici curatori della mostra Rigenerazioni a confronto”. Partecipano Ilaria Bignotti, Mauro Corradini, Giovanna Galli, Anna Lisa Ghirardi, Giampietro Guiotto, Fausto Lorenzi. Coordina Massimo Tedeschi
L’ingresso, a partire dalle 17.30, è libero e gratuito, ma i posti sono contingentati e per rispetto delle norme anti-Covid è necessario iscriversi inviando una mail a info@aab.bs.it, oppure iscrivendosi direttamente in Aab, oppure telefonando allo 03045222 dalle 16 alle 18 comunicando il proprio cognome e nome, il numero di telefono, il numero di persone che intervengono.

La mostra “Rigenerazioni” è un omaggio alla città che guarda al dopo Covid-19 e segna un ritorno temporaneo alla vecchia sede della Associazione Artisti Bresciani aperta nel 1945 in via Gramsci. L’AAB, per il proprio 75° compleanno, ha affidato a sei critici esperti il compito di selezionare autori bresciani, pittori, scultori, autori di installazioni.

Si tratta di una mostra concepita in due sedi, che si svolge da sabato 19 settembre a mercoledì 14 ottobre.  La prima sede naturalmente è nell’attuale “casa” dell’AAB in Vicolo delle Stelle 4, la seconda e più particolare, in via Gramsci 17, proprio dove 75 anni fa, nell’ottobre del 1945, in un contesto di sofferenza e rovine belliche, l’Associazione Artisti Bresciani organizzò un’altra mostra, la “mostra della rinascita”. Allora 120 artisti bresciani esposero 201 opere, selezionate da una commissione di tre esperti. Quell’omaggio alla città così duramente segnata si trasformò in una sfida collettiva all’eco della guerra ancora sottotraccia

La mostra del 75° dell’AAB si intitola “Rigenerazioni”. Termine non certo inedito in un clima da guerra silente quale quello che viviamo in epoca del Covid-19.  Un progetto il cui unico confine è dato dalla scelta mirata su artisti bresciani viventi, dal numero massimo di dieci artisti per ogni selezionatore, dalla libertà assoluta di scelta dei sei studiosi che hanno accettato questa scommessa.

I sei critici sono Ilaria Bignotti, Mauro Corradini, Giovanna Galli, Anna Lisa Ghirardi, Giampietro Guiotto e Fausto Lorenzi. La mostra “Rigenerazioni” è frutto delle loro scelte, del loro acume interpretativo, dei loro sensori nel mondo degli artisti bresciani, nella loro produzione di ieri e di oggi.  Una mostra che parte dal basso, dalle botteghe dove sono nate le opere di cinquantuno artisti che aiutano a leggere il tema “Rigenerazioni”.

Ecco gli artisti in mostra. Clelia Adami, Giuseppe Bergomi, Giorgio Bertelli, Carlo Bettoni, Stefano Bombardieri, Monica Bonvicini, Giuseppe Bravi, Viviana Buttarelli, Pier Cattaneo, Nicola Civiero, Vincenzo Cottinelli, Franco Dagani, Maurizio Donzelli, Raffaella Formenti, Patrizia Benedetta Fratus, Giuseppe Gallizioli, Armida Gandini, Alberto Goglio, Silvia Inselvini, Andrea Lanzi, Marco La Rosa, Giusi Lazzari, Francesco Levi, Salvatore Manenti, Marco Manzella, Claudia Marchi, Felice Martinelli, Caterina Matricardi, Eva e Franco Mattes, Angelita Mattioli, Eros Damiano Mauroner, Filippo Minelli, Elena Monzo, Albano Morandi, Gianpietro Moretti, Giulio Mottinelli, Marco Paladini, Laura Pedizzi, Walter Pescara, Riccardo Pezzoli, Gabriele Picco, Camilla Rossi, Giovanni Rossi, Paola Sabatti Bassini, Livio Scarpella, Romeo Seccamani, Irene Tedeschi, Massimo Uberti, Francesco Vezzoli, Osvaldo Vezzoli

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.