Virus, allarme ossigeno: appello Federfarma per le bombole fotogallery

La presidente Mottinelli si appella ai dentisti, veterinari e cittadini per consegnare le bombole da riempire.

(red.) E’ uno degli allarmi che anche il sindaco di Brescia Emilio Del Bono aveva lanciato e ora ribadito dalla Federfarma bresciana. Cioé quello della carenza di bombole di ossigeno che servono ai pazienti dimessi da Covid nelle loro abitazioni. Clara Mottinelli, presidente dell’associazione, sottolinea come i medici abbiano consentito di prescrivere ossigeno liquido, mentre la consegna dei contenitori viene permessa tramite le forze dell’ordine e i vigili del fuoco.

Ma come detto, c’è penuria di bombole e per questo motivo la Federfarma ha chiesto la disponibilità dei dentisti (chiusi in questo periodo), studi veterinari e dei cittadini in possesso di bombole vuote di consegnarle per poterle riempire. Negli studi professionali ci penseranno Federfarma e la Protezione Civile, mentre i cittadini potranno presentarsi direttamente in farmacia. Nel momento in cui i contenitori saranno disponibili, saranno riempiti per consegnarli ai pazienti che ne hanno bisogno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.