Virus, palazzo Loggia: niente Ztl, parcometri e strisce blu

Da oggi fino al 3 aprile nessun limite. E la Regione Lombardia sospende le proprie tasse fino al 31 maggio.

(red.) Brescia è una città deserta in questi giorni intorno alla fine di marzo ed è un buon segno, perché vuol dire che i cittadini stanno rispettando le regole e le misure di contenimento per evitare la diffusione del coronavirus. Tuttavia, ci sono persone che devono raggiungere le case di riposo in centro e altri addetti che operano come lavoratori essenziali. Per questo motivo e soprattutto in loro sostegno, il Comune di Brescia ha deciso di sospendere strisce blu dei parcheggi a pagamento e anche le zone a traffico limitato.

Le uniche aree che invece restano off limits sono quelle pedonali. Quindi, i lavoratori essenziali e quelli chiamati a svolgere le consegne a domicilio potranno raggiungere il centro storico e le aree Ztl senza limiti di tempo e senza pagare la sosta al parcometro. Queste misure saranno in vigore da oggi, giovedì 26 marzo, fino al 3 aprile e salvo proroghe.

Nel frattempo, vista l’emergenza in corso, anche la Regione Lombardia entra in campo a favore dei cittadini. La presidente della commissione Trasporti Claudia Carzeri ha annunciato che le tasse regionali Irap, Irpef, bollo auto, Ecotassa e quella sulle concessioni sono sospese fino al 31 maggio e quindi potranno essere saldate entro il 30 giugno senza sanzioni né interessi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.