Una tregua di sole, poi domenica tornano le piogge previsioni

Sulle Alpi centro-orientali nevicate copiose dal pomeriggio-sera, sopra i 600-1.000 metri, a quote un po' più elevate sulle Prealpi.

Più informazioni su

(red.) “Una breve, seppur solo temporanea, tregua del maltempo è attesa per le giornate di venerdì e di sabato su gran parte del Paese, salvo locale residua instabilità sul medio-basso versante tirrenico e sulle Alpi di confine; ampie schiarite sono invece attese sui restanti settori, con temperature diurne in nuovo generale aumento. Tuttavia giungono conferme circa un nuovo peggioramento delle condizioni meteorologiche per la giornata di domenica, per l’arrivo dell’ennesima perturbazione atlantica sull’Italia“. A confermarlo è Andrea Vuolo, meteorologo di 3bmeteo.com che spiega: “Tornerà infatti a piovere già entro domenica mattina al Nordovest, specie su Liguria e Piemonte, ma con le piogge che si estenderanno rapidamente anche al Nordest, all’Emilia centro-occidentale e alla Toscana entro il pomeriggio-sera, dove sono attesi fenomeni anche localmente di forte intensità e a carattere temporalesco nella notte su lunedì sulla Liguria di levante e sull’alta Toscana. Il tutto sarà accompagnato da forti venti di Libeccio e Scirocco, con mari mossi o molto mossi.”

TORNA LA NEVE SULLE ALPI, ANCHE A QUOTE BASSE AL NORD-OVEST. La perturbazione che giungerà domenica porterà nuove copiose nevicate su tutto l’arco alpino, inizialmente sui settori centro-occidentali e nella seconda parte della giornata anche su quelli orientali, con conseguente aumento del pericolo valanghe anche considerando la presenza di notevoli accumuli già presenti al suolo. Nevicherà probabilmente fino a quote di fondovalle su Alpi Liguri e Marittime (probabile una fase di neve umida anche su Cuneo città) e sopra i 600-800 metri sui restanti settori alpini piemontesi e valdostani; sulle Alpi centro-orientali nevicate copiose dal pomeriggio-sera sopra i 600-1.000 metri, a quote un po’ più elevate sulle Prealpi e solo a quote piuttosto alte sull’Appennino settentrionale (specie versante emiliano).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.