Fece esplodere casa propria: 3 anni e 20 giorni a Matteo Bortolan

Il processo celebrato con il rito abbreviato. Il 38enne era stato ricoverato alla Poliambulanza e poi era evaso dai domiciliari per essere nuovamente arrestato a Marbella in Spagna. 

Brescia.  La notte tra il 13 e il 14 giugno del 2021 aveva causato l’esplosione della propria abitazione in via Ziziola a Brescia. Essendo gravemente ferito era stato ricoverato alla Poliambulanza e in seguito era stato posto ai domiciliari, dai quali era fuggito.
Era stato nuovamente arrestato a Marbella in Spagna.
Ora il 38enne Matteo Bortolan è stato condannato a 3 anni e 20 giorni di carcere nel processo celebrato con il rito abbreviato. Doveva rispondere di detenzione di materiale esplodente per aver «fabbricato un congegno micidiale di natura incendiaria composto da inneschi e polvere pirica modificata per incrementarne il potenziale esplosivo» e di «aver cagionato due esplosioni seguite da violento incendio, idonee a determinare il crollo» del suo appartamento.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.