Violenza sessuale in palestra: assolti gli amici del maestro di karate

Condannati in primo grado a quattro e sei anni di carcere, Darix Argentini e Sandro Perini sono stati assolti in Appello perchè «il fatto non costituisce reato». Avevano avuto rapporti sessuali con una minorenne nella palestra di Lonato di Carmelo Cipriano.

Lonato del Garda. Assolti, in secondo grado, dall’accusa di rapporti sessuali con minorenni, i due amici del maestro di karate Carmelo Cipriano che è stato condannato, invece, (pena già passata in giudicato) a nove anni per abusi sessuali su alcune sue allieve.
In primo grado i due uomini, originari del mantovano, Darix Argentini e Sandro Perini erano stati condannati, rispettivamente, a quattro e 6 anni di reclusione.

Per i giudici «il fatto non costituisce reato» perchè la ragazza coinvolta negli atti sessuali «era 16enne e quindi era consenziente». I fatti avvenuti sono stati riconosciuti, ma, secondo i giudici, non costituiscono reato.
La giovane avrebbe avuto rapporti sessuali a tre nella palestra di Lonato del Garda in cui era allieva di Cipriano. Ma, se, per il titolare dell’attività sportiva, la sentenza è stata di condanna, i giudici di secondo grado hanno riqualificato le accuse in «atti sessuali con minorenne», nella fattispecie prevista dal secondo comma, quella che, per le relazioni con un minorenne che abbia compiuto sedici anni, punisce solo la persona cui il minore sia stato affidato per ragioni di cura, custodia, istruzione.

Condizione che non sussisteva per i due imputati, mentre lo era per il maestro di arti marziali.
Incertezza poi sull’età della minore coinvolta: aveva 15 o 16 anni al momento dei fatti contestati? La giovane ha riferito che gli episodi sarebbero avvenuti nel 2011, quando aveva 15 anni, ricordo legato all’apparecchio ortodontico che indossava in quell’epoca, mentre la testimonianza della moglie di Cipriano, che scoprì la relazione del marito con la ragazzina da alcune foto sul cellulare dell’uomo, li riferisce al 2012. Un dubbio di fronte al quale i giudici hanno assolto i due imputati.
Le motivazioni della sentenza fra 30 giorni.
Perini è stato condannato, nel dicembre 2021, in un altro procedimento che lo ha visto alla sbarra con l’accusa di violenza sessuale nei confronti della figlia dell’ex compagna, a otto anni di carcere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.