Quantcast

Brescia, annullata l’espulsione per Gezim Sallaku

L'ex patron del Darfo calcio resta in Italia. La questura di Brescia ne aveva chiesto l'allontanamento perchè ritenuto "socialmente pericoloso".

Più informazioni su

(red.) Annullato il decreto di espulsione emesso dal tribunale di Brescia nei confronti di Gezim Sallaku, ex patron del Darfo calcio, il quale ha vinto la causa civile contro il ministero dell’Interno.

Cosa è accaduto? Lo scorso 18 febbraio la questura di Brescia ha emesso un provvedimento di espulsione contro l’imprenditore albanese perchè ritenuto “socialmente pericoloso”.

Sallaku era finito al centro di diverse vicende giudiziarie che hanno coinvolto anche altri membri della sua famiglia.

“Se di regola l’espulsione è disposta con decreto immediatamente esecutivo, l’immediata efficacia del provvedimento è inibita laddove”, scrive il tribunale civile di Brescia, “penda un procedimento penale, atteso che il questore prima di eseguire l’espulsione deve ottenere il nulla osta dell’autorità giudiziaria”.

Ma i giudici del tribunale di Bergamo, che ha competenza sul procedimento penale ancora aperto nei confronti dell’uomo, non hanno richiesto alcuna  autorizzazione a procedere e quindi la sentenza di espulsione è stata definitivamente annullata.

Inoltre, la Corte d’Appello di Brescia, con sentenza del 9 aprile 2021, aveva autorizzato la permanenza in Italia di Sallaku fino al raggiungimento della maggiore età del figlio.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.