Quantcast

Omicidio Chilovi, condannato Buscicchio

L'ex suocero di Stefano Sorrentino condannato per "concorso anomalo" nell'omicidio del 39enne Bruno Vicini Chilovi.

(red.) Definitiva la condanna a sei anni, due mesi e 20 giorni inflitta a Bruno Buscicchio, suocero di Stefano Sorrentino, il ristoratore che, la notte tra il 10 e l’11 dicembre 2005, uccise Bruno Vicini Chilovi nuovo compagno della sua ex moglie.
La Cassazione ha infatti respinto il ricorso di Buschicchio sulla sentenza della Corte d’Appello di Brescia che avevano stabilito che l’uomo, decidendo di accompagnare l’ex genero a casa della figlia, aveva assunto il rischio che Sorrentino facesse del male al 39enne fidanzato della donna.
Buscicchio, infatti, non solo aveva scortato Sorrentino all’ex abitazione di famiglia in via Monte Nero a Brescia, ma lo aveva visto tagliare le gomme all’auto di Vicini Chilovi, in un gesto di profonda rabbia. Da qui l’imputazione e la condanna per concorso anomalo nell’omicidio del 39enne, ucciso con sette coltellate non prima di riuscire  a trascinarsi fino al posto di polizia vicino, davanti al cui ingresso spirò.
Per l’omicidio venner arrestati Stefano Sorrentino, condannato a 13 anni e Mario Peretta, poi assolto in Appello.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.