Quantcast

Castenedolo, sospeso il professore “no vax”

Emesso lunedì dall'Ust di Brescia il provvedimento disciplinare nei confronti dell'insegnante di matematica che parlava agli studenti di "pandemenza".

Più informazioni su

(red.) E’ stato sospeso l’insegnante no vax sul cui caso si era sollevata una polemica riportata nei giorni scorsi da Il Giornale di Brescia.
Il docente che, in classe, esprimeva le proprie posizioni contro i vaccini, l’utilizzo delle mascherine e che aveva definito l’emergenza sanitaria “pandemenza” è stato raggiunto dal provvedimento nella giornata di lunedì 29 novembre.
L’insegnante di matematica e scienze, attualmente supplente alla secondaria di primo grado “Leonardo da Vinci” di Castenedolo è stato sospeso dall’incarico con un provvedimento disciplinare cautelare “per motivi di urgenza” e, al momento, non potrà insegnare in alcun istituto del bresciano.

Il docente verrà convocato dall’ ufficio provvedimenti disciplinari dell’Ust provinciale e dovrà chiarire la propria posizione. Solo una volta verificate le segnalazioni arrivate sia dalle famiglie degli studenti che dai colleghi e dalla dirigenza, verrà eventualmente applicata (con tempistiche da definire) la misura disciplinare.
Non viene messa in discussione la libertà di pensiero dell’insegnante, ma, piuttosto, il fatto di esprimere in classe le proprie posizioni, creando disagio agli studenti che sarebbero stati costretti anche a non rivelare ai genitori  quanto veniva detto in aula.

Le lamentele sul comportamento dell’insegnante erano arrivate anche da Botticino, dove il professore aveva insegnato per poche settimane e, pure, dall’istituto superiore Tassara- Ghislandi di Breno, dove era stato rimandato a casa perchè sprovvisto del Green pass, obbligatorio per i docenti.
Quattro le sanzioni disciplinari “collezionate” dall’insegnante alla fine dello scorso anno scolastico. Ora la sospensione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.