Quantcast

Montichiari, riparte lo sportello d’ascolto al Don Milani

Uno spazio per accogliere e supportare i ragazzi nell'affrontare i diversi compiti evolutivi, ma anche per affiancare docenti e famiglie in questa delicata fase di crescita degli adolescenti.

Più informazioni su

(red.) Riparte, per l’anno scolastico 2021/22, presso l’Istituto Don Milani di Montichiari (Brescia), lo sportello d’ascolto psicologico.
L’adolescenza costituisce una fase del percorso di crescita caratterizzata da importanti cambiamenti fisici, psicologici e relazionali che richiedono una ristrutturazione dell’immagine di sé. I ragazzi si trovano a confrontarsi con numerosi e complessi compiti di sviluppo, quali la costruzione dell’idea di se stessi, la ricerca di indipendenza, di autonomia e del senso per la vita. Nell’affrontare questi compiti, molti ragazzi possono sentirsi confusi e disorientati e a questa situazione spesso si unisce la difficoltà nel comunicare e condividere le proprie esperienze.

L’ attuale crisi pandemica, che sta travolgendo vite ed abitudini di prossimità reciproca, immettendo in un clima di allerta e di preoccupazione, sia da un punto di vista fisico, sia emotivo, rappresenta una condizione che può nuocere all’equilibrio interno personale e familiare, richiedendo di essere gestita per non evolvere in stati di crisi acute.
All’interno di quest’ottica, lo Sportello d’Ascolto vuole offrire uno spazio per accogliere e supportare i ragazzi nell’affrontare i diversi compiti evolutivi, rappresentando così un’occasione per definire meglio i problemi emersi e individuare risorse individuali e/o collettive necessarie per superare la situazione di impasse evolutivo, di disagio scolastico o di sofferenza personale/familiare.

Questo strumento ha dunque una valenza preventiva dal momento che produce un’accresciuta consapevolezza dei problemi e delle possibilità di soluzione, favorendo scelte autonome e autogestite. Lo Sportello può anche rappresentare il primo contatto con una figura di aiuto, costituendo così, nel caso di situazioni maggiormente a rischio, quel collegamento verso una presa in carico più ampia e articolata all’interno di adeguate strutture territoriali.
L’obiettivo generale è quello di garantire un supporto emotivo a ragazzi che affrontano una tappa di sviluppo particolarmente delicata e che si trovano ad affrontare compiti evolutivi impegnativi, supporto che vede l’unione di tre forze motrici: la scuola, la famiglia e professioniste dell’età evolutiva.

Il Servizio offre, per quel che riguarda gli alunni, una consultazione psicologica breve finalizzata a ri-orientare l’adolescente in difficoltà.
Lo Sportello d’Ascolto prevede un massimo di tre incontri per studente, utili per consentirgli di focalizzare soluzioni attuabili, riscoprire le proprie potenzialità inespresse, uscire dall’impasse che, in alcuni momenti della vita, causa sofferenza.
A favore degli studenti potranno essere attivati  anche incontri con i gruppi classe, sulla base  di specifiche necessità rilevate dai diversi consigli di classe.

Lo Sportello d’Ascolto è uno spazio dedicato prioritariamente ai ragazzi, ai loro problemi, ma accoglie anche genitori ed insegnanti che intendano riflettere sulle proprie strategie educative o cercare aiuto per problemi nella relazione con l’adolescente.
Per quel che concerne il supporto ai genitori l’obiettivo è quello di sostenere la genitorialità, valorizzando le risorse e le competenze specifiche della famiglia intesa come primo importante nucleo educativo- relazionale.

Nello specifico accogliere le problematiche e le richieste dei genitori che si trovano in difficoltà o sentono il bisogno di avere indicazioni per affrontare in modo più sereno problematiche legate alle relazioni con i figli e/o con l’ambiente circostante; sensibilizzare ed eventualmente aiutare i nuclei familiari a contattare i servizi territoriali laddove i disagi espressi richiedono una presa in carico più approfondita.

Rispetto al corpo docenti l’obiettivo è quello di fornire uno spazio di accoglienza, ascolto, riflessione e condivisione per mettere a fuoco singoli casi difficili all’interno delle loro classi, oppure gruppi classi problematici, o riflettere sul proprio ruolo di insegnante in quel particolare sistema o a causa di questo particolare momento, come individuare problematiche legate alla crescita personale, nonché individuare i casi di disagio e le situazioni a rischio; migliorare la capacità degli studenti di comprendere se stessi e gli altri e di comportarsi in maniera consapevole; fornire strumenti di sostegno psicologico nei casi di disagio scolastico e/o di relazione; affiancare i genitori nella crescita armonica dei loro ragazzi eventualmente indicando strategie di comunicazione efficace e di ascolto empatico; accompagnare e mediare verso un eventuale trattamento esterno nel caso in cui si ravvisi la necessità di un intervento mirato e specialistico; aiutare i docenti nel loro ruolo di educatori; prevenire ed affrontare problemi d’insuccesso scolastico; affrontare le dinamiche del gruppo classe; aiutare le famiglie a comprendere le dinamiche adolescenziali.

Le Dottoresse Laura Micol Bertagna, Fabiana Gamba e Monica Miglioli riceveranno alunni, genitori e docenti che faranno richiesta secondo il sottoindicato calendario: Dott.ssa Miglioli, contatto mail: miglioli.monica@iisdonmilanimontichiari.it il lunedì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 (PT Plesso Boselli – stanza in fondo al corridoio); Dott.ssa Bertagna, contatto mail: bertagna.lauramicol@iisdonmilanimontichiari.it il mercoledì dalle ore 9.00 alle ore 10.50 (Sala insegnanti plesso Centro Giovanile); Dott.ssa Bertagna: il mercoledì dalle ore 11.00 alle ore 12.00 (plesso Sede – Aula Gles S106); Dott.ssa Gamba, contatto mail: gamba.fabiana@iisdonmilanimontichiari.it il venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 (plesso Sede – Aula Gles S106).

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.