Quantcast

Trasporto extraurbano, “Ingressi doppi o niente bus”

Ancora da sciogliere il nodo del trasporto extraurbano per il Garda ed il Sebino dove i presidi puntano all'ingresso scolastico unico per tutti gli studenti.

(red.)  Come per il Green pass, senza il quale sarà impedito al personale scolastico non vaccinato di accedere a scuola, così anche per il trasporto pubblico, gli istituti scolastici che non adotteranno il doppio turno di entrata ed uscita per gli studenti non avranno gli autobus garantiti.

E’ il diktat dell’Agenzia per il Trasporto pubblico locale, guidata dal presidente(uscente) Claudio Bragaglio, il quale ha ribadito il concetto soprattutto per i dirigenti degli istituti secondari del Garda e del Sebino che si oppongono al doppio ingresso.

Il direttore dell’Ufficio scolastico territoriale, Giuseppe Bonelli, si è dichiarato ottimista sul raggiungimento dell’obbiettivo 6o% alle 8 e del 40% alle 9 (o 10 in alcuni casi specifici), ma per la giornata di  venerdì è stato convocato un nuovo tavolo prefettizio per analizzare nel dettaglio le linee di trasporto provinciale più critiche.

Tuttavia, Bragaglio ha ribadito che, senza ingressi scaglionati, le zone del Garda e del Sebino verranno tagliate fuori dal trasporto “straordinario messo in campo dall’Agenzia.

In questo modo i pullman, che potranno viaggiare alla capienza dell’80% , potranno garantire il servizio di trasporto per i 40mila studenti della provincia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.